Microsoft rende compatibile il suo Smartband con iOS ed Android grazie a nuovi SDK [Video]

Microsoft intensifica il lavoro sul progetto Smartband, l’accessorio da polso in grado di monitorare sia l’attività fisica, sia il sonno di chi lo indossa.

microsoft-band

La casa di Redmond sta inviando agli sviluppatori un SDK per Windows Phone, Android ed iOS con il quale si potranno realizzare applicazioni dedicate, capaci di utilizzare i diversi sensori (giroscopio, termometro, frequenza cardiaca, ecc), per inviare notifiche dallo Smartband a tutti i dispositivi mobili, compresi iOS ed Android

microsoft_band_explode

Questo dispositivo, come sappiamo, può essere indossato tutto il giorno per monitorare diversi parametri come ad esempio: l’attività fisica ed il sonno. Dieci diversi sensori al suo interno permettono di tracciare la frequenza cardiaca, la temperatura ed altre funzioni vitali. Si può misurare la dose dell’esposizione alle radiazioni ultraviolette (UV) ed il livello di sudorazione.

Il dispositivo dispone anche di un GPS e si può controllare attraverso Cortana. Con il rilascio dell’ultimo aggiornamento (che risale a circa un mese fa) sono state introdotte nuove funzioni come: la visualizzazione e la possibilità di rispondere alle notifiche (e-mail, messaggi di testo, telefonate), una dashboard web ed il Microsoft HealthVault (un servizio cloud per la gestione di dati scambiati tra il dispositivo, altri apparecchi per il fitness e smartphone).

31band

La scelta dell’azienda di creare un ponte con i suoi competitors è una mossa strategica per cercare di allargare il bacino d’utenza, se non aprisse le porte all’interazione con iOS e Android, il dispositivo avrebbe un mercato molto ristretto ed il progetto si potrebbe rivelare fallimentare. Ricordiamo che per ora lo Smartband è stato venduto soltanto negli USA, dove ha riscosso un discreto successo. Per quato riguarda il vecchio continente, dal 15 Aprile, verrà venduto in UK al prezzo di 169,99 sterline.

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: