A rischio tutti gli abbonamenti freeware di Spotify e portali simili

Uno dei metodi che gli utenti contemporanei hanno di usufruire della loro musica preferita è attraverso portali di streaming come Spotify, Rdio e simili. Sono moltissimi gli abbonamenti liberi che non sottoscrivono una quota di iscrizione ai suddetti portali, per loro una cattiva notizia inizia ad emergere nel web: pare che ci sia la possibilità che i servizi di streaming vengano relegati ai soli abbonamenti premium.

spotify

E’ da un po’ in realtà che le case discografiche hanno dimostrato un comportamento ostico nei confronti dei numerosi utenti free che sfruttano portali come Spotify per ascoltare un numero pressoché illimitato di brani musicali, anche se con alcune restrizioni.

La pressione effettuata pare raggiungere livelli tali che molte case stanno richiedendo l’uso esclusivo di questi servizi ad utenti a pagamento. Mettendoci nei panni delle case discografiche la richeista appare più che plausibile, se è possibile usufruire di tutta la musica del mondo in modo gratuito, con la pecca di dover ascoltare qualche pubblicità di tanto in tanto, perché acquistare un CD a pagamento o peggio ancora acquistare musica online?

Via | BGR

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: