iMac 27″ difettati. Apple sostituisce gratuitamente l’hard disk da 3TB su alcuni modelli: ecco come fare

Trattandosi di dispositivi di un certo costo, oltre a quello che può essere l’affezione dell’utente, quando una macchina come iMac 27″ subisce un danno è davvero una tragedia. Proprio per allietare le pene dei suoi acquirenti, Apple ha deciso di lanciare un nuovo programma di sostituzione gratuita del drive da 3TB della macchina citata poco fa.

sostituzione drive 3 tb imac 27

Il programma copre tutti gli iMac 27″ acquistati tra Dicembre 2012 e Settembre 2014. Pare che i drive venduti in questo lasso di tempo siano facilmente soggetti a rottura e che quindi Apple abbia deciso di intervenire onde evitare polemiche o l’ennesima class action.

L’azienda stessa ha tenuto a contattare gli utenti che si sono registrati in seguito all’acquisto. Per sapere se anche la vostra macchina rientra nel programma dovrete:

  • Individuate il numero di serie dell’iMac attraverso il menu con il logo Apple sulla barra del menu di OS X, sulla confezione originale o sulla fattura
  • Inseritelo all’interno del form che trovate a questo indirizzo e lanciate l’invio
  • Il sistema si occuperà di confermare o meno il seriale da voi inserito, in caso positivo vi converrà portare l’iMac ad un Apple Store il prima possibile prevenendo così rotture improvvise e perdite ingenti

In alternativa potrete svolgere la pratica con l’assistenza Apple seguendo i passaggi riportati alla pagina dedicata. Se intorno a casa vostra non ci sono Apple prossimi a cui portare la macchina, potreste consultare la pagina dei rivenditori ufficiali.

Ovviamente, come prima di ogni sostituzione o riparazione, dovrete effettuare il backup dei dati. Se avete provveduto privatamente alla sostituzione del disco, Apple provvederà al rimborso mediante presentazione della fattura.

Trattandosi di dispositivi di un certo costo, oltre a quello che può essere l’affezione dell’utente, quando una macchina come iMac 27″ subisce…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: