Apple perde la causa relativa all’aumento dei prezzi degli e-book, dovrà pagare 450 milioni di dollari di danni

La corte d’appello federale ha oggi confermato una decisione del 2013 che vedeva Apple giudicata colpevole di aver cospirato con alcuni editori per aumentare i prezzi degli e-book. Di conseguenza, la società dovrà pagare 450 milioni di dollari di danni.

ibookstore

Ecco quanto scritto dal giudice Debra Ann Livingston (dal WSJ):

Concludiamo che il tribunale distrettuale ha correttamente deciso che Apple ha orchestrato una cospirazione con gli editori per aumentare i prezzi degli e-book.

I 450 milioni di dollari si aggiungeranno ai milioni di dollari che Apple ha speso per contenziosi e spese legali nel corso degli ultimi 3 anni. Nonostante tutti e 5 gli editori di libri abbiano raggiunto accordi individuali con il Dipartimento di Giustizia, Apple si è sempre dichiarata non colpevole.

Per ricordare quanto accaduto negli scorsi anni, nel 2013 il Dipartimento di Giustizia americano ha intentato una causa contro Apple e 5 grandi editori di libri per aver cospirato per aumentare i prezzi degli e-book. Apple è stata giudicata colpevole nel 2013, e da allora ha fallito più ricorsi, nel tentativo di ribaltare la decisione.

Via | iDownloadBlog

La corte d’appello federale ha oggi confermato una decisione del 2013 che vedeva Apple giudicata colpevole di aver cospirato con alcuni editori…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: