Apple Music bocciato da un importante critico musicale

Il rispettato analista e critico del settore musicale Bob Lefsetz ha emesso il suo verdetto su Apple Music, e non è positivo. Lefsetz, che ad inizio anno ha correttamente previsto il flop della piattaforma musicale Tidal, ha scritto una nota sulle prospettive del nuovo servizio di streaming musicale della società californiana.

applemusic

L’anima e il cuore di Apple Music è il suo servizio in streaming“, spiega Lefsetz. “E ha infranto la regola numero uno della tecnologia. Per avere successo devi offrire qualcosa di meglio, conquistare coloro che erano disinteressati, e non c’è nulla di Apple Music che non sia ampiamente disponibile altrove, comprese la rete sociale e le playlist. Questo è quello di cui abbiamo bisogno, un nuovo luogo dove poter leggere i pensieri dei musicisti?

lefsetz

Per quanto riguarda le altre caratteristiche di Apple Music, Lefsetz non crede assolutamente che il mondo abbia bisogno di un radio 24/7, come appunto Beats 1, e critica esperti del settore come Jimmy Iovine, rei di non aver colto il cambiamento dell’industria musicale.

È tutto così fuori dalla sua [Iovine] portata.“, scrive Lefsetz. “Viene da una terra dove le relazioni e le intimidazioni significano tutto. […] La verità è che nell’era moderna i vincitori sono i techies senza volto che fanno a modo loro, siano essi Mark Zuckerberg di Facebook, Evan Spiegel di Snapchat o Nick Woodman di GoPro. Sono dei cacciatori che pensano in modo diverso, qualcosa che Apple ha usato per avere qualcosa a cui aggrapparsi.

Il noto critico ha infine lodato il fondatore di Spotify Daniel Ek, che a suo modo di vedere è stato un vero innovatore in un periodo in cui Iovine vendeva “cuffie schifose come fossero accessori alla moda“.

Cliccate qui per leggere l’intera nota di Bob Lefsetz.

Via | BGR

Il rispettato analista e critico del settore musicale Bob Lefsetz ha emesso il suo verdetto su Apple Music, e non…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: