La FTC indaga sulle regole di App Store relative agli abbonamenti a servizi in streaming

Lo scorso Mercoledì Spotify ha inviato una email ai suoi abbonati per chiedere loro di sottoscriversi al suo servizio tramite web, e non tramite l’app iOS, per evitare un supplemento di 3€ dovuto alla politica di App Store di Apple. La FTC ha ora avviato delle indagini, concentrandosi in particolare modo sulla famosa tassa del 30% imposta sugli abbonamenti sottoscritti tramite applicazioni.

appstoreftc

Le preoccupazioni dell’antitrust derivano da alcune restrizioni imposte alle società che offrono servizi in streaming. Gli utenti hanno comunque la libertà di iscriversi a tali servizi al di fuori di App Store, evitando la tassa del 30% imposta alle società, ma secondo Reuters in molti non sembrano considerare questa opzione.

La tassa del 30% riduce i proventi delle piattaforme in streaming in un settore che ha margini già molti bassi, ha dichiarato il CEO di Deezer Tyler Goldman.

Questa non è comunque la prima volta che Apple viene a trovarsi in una situazione simile a causa di questa tassa. A Giugno è emerso che la società di Cupertino stesse considerando l’idea di modificare tale politica per applicazioni multimediali come Netflix, Hulu, Spotify e altre ancora.

Via | MacRumors

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: