Nuovi iPhone 6s e 6s Plus: quanto spende Apple per realizzarli?

Il 25 settembre si sono aperte le vendite per i nuovi iPhone 6S/6S Plus mentre il 9 ottobre arriveranno anche in Italia che sarà, presumibilmente, il paese in cui il prezzo sarà maggiore. Ma quanto spende Apple per realizzare i nuovi dispositivi?

6s

La società di ricerca IHS ha pubblicato una relazione in cui vengono analizzati i componenti con cui sono realizzati i nuovi iPhone 6S/6S Plus con la conclusione che i due nuovi dispositivi costerebbero ad Apple, rispettivamente, 211 dollari e 236 dollari (188 e 210 euro circa).

Secondo l’analisi in testa alla classifica dei costi c’è il nuovo display 3D Touch con 52,50 dollari. A seguire il processore A9 che ha un costo di 22 dollari, poi i 2 GB di DRAM al prezzo di 17 dollari, chip Qualcomm a 13 dollari e i moduli per le due fotocamere, anteriore e posteriore, a 22,50 dollari.

Mancano ancora all’elenco il chip flash da 16 GB NAND a 5,50 dollari, la batteria, modulo Wi-Fi, il case, circuiti e connettori vari, giroscopio, bussola e costi di assemblaggio che portano le spese alle cifre indicate.

Come ha voluto sottolineare Tim Cook, «fino ad ora non c’è mai stato un elenco di materiali e componenti che possa definirsi davvero preciso». Effettivamente sarebbe troppo semplice smontare uno smartphone, elencare i componenti e stilare una “lista della spesa” con il totale in fondo.

Queste saranno anche le spese vive per l’acquisto dei componenti, ma per completare il conteggio di quanto possa costare uno smartphone ad un’azienda, devono essere considerate anche le tasse, le spese logistiche, la ricerca, i test, la distribuzione, la pubblicità, il personale e tutto il resto, di cui spesso gli analisti si dimenticano.

Via | AppleInsider

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: