Apple rimuove dalla cronologia di acquisto le applicazioni non più in vendita

Se avete acquistato un’applicazione da App Store e lo sviluppatore l’ha ritirata dalle vendite, non sarà più possibile scaricarla nuovamente dalla cronologia di acquisto.

app store

Diversi utenti hanno lamentato la rimozione di alcuni giochi e applicazioni dalla cronologia delle App acquistate senza nessun motivo apparente, tra cui per esempio il primo Real Racing, Need for Speed, Flight Control o BioShock.

E’ stato proprio BioShock, a quanto pare, il primo ad essere rimosso dall’App Store. Dopo che gli sviluppatori hanno deciso di ritirarlo dalle vendite, Apple lo ha rimosso del tutto anche dalla cronologia di chi lo aveva acquistato ed effettuato acquisti in-app.

Il motivo invece c’è, non si tratta di un bug come qualcuno ha ipotizzato ma riguarda le politiche aziendali ed è stato spiegato da un portavoce di Apple: «Se gli sviluppatori rimuovono un’applicazione dallo Store, quella stessa applicazione non potrà più essere scaricata nemmeno dalla cronologia fino a che non venga pubblicata nuovamente, uguale o aggiornata».

Questo potrebbe comportare un pesante disagio per gli utenti che, oltre a non poter installare nuovamente un’app acquistata oltre a quella perderanno anche gli acquisti in-app.

La soluzione per risolvere questo problema è, unicamente, effettuare il trasferimento delle applicazioni da iPhone, iPad o iPod Touch sul proprio computer. Solo così potranno essere installate nuovamente sul dispositivo, anche nel caso in cui lo sviluppatore scegliesse di ritirarle dall’App Store.

Recente è il caso di Tweetbot, sviluppato da Tapbots. Dopo che gli sviluppatori hanno ritirato Tweetbot 3 per sostituirlo con Tweetbot 4, Apple ha rimosso totalmente la versione precedente così, chi l’avesse acquistata e poi cancellata senza trasferirla sul proprio computer non avrà più modo di riutilizzarla, se non acquistando (non si tratta di un aggiornamento gratuito) l’ultima novità.

Come spiega TouchArcade, l’alternativa è che gli sviluppatori lascino la propria applicazione a disposizione in uno degli App Store disponibili così che chi l’avesse acquistata potrà installarla nuovamente. Basta infatti che l’applicazione sia disponibile almeno in un Paese perché possa essere reinstallata e il tweet di Tapbots lo conferma, anche se bisognerà avere l’ID Apple registrato in quel paese.

A quanto pare la nuova politica adottata da Apple ha colto di sorpresa un po’ tutti, sviluppatori compresi che sembra non abbiano ricevuto alcuna comunicazione a riguardo. Agli utenti che hanno richiesto un rimborso, specie per le applicazioni più datate, sempre TouchArcade riporta che Apple non ha risposto oppure, a qualcuno, ha offerto qualche canzone in omaggio.

Per salvare le applicazioni che avete acquistato e che non sono più in vendita, trasferite gli acquisti dal vostro dispositivo al vostro computer.

Via | iDownloadBlog

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: