iFixit effettua il Teardown sul nuovo iMac 21,5″ con display Retina 4K

iFixit, dopo aver smontato i nuovi accessori e mostrato la composizione del display 3D Touch dell’iPhone 6S, ha pubblicato sul proprio sito un nuovo Teardown sull’iMac 21,5″ con display Retina 4K, rivelando l’impossibilità di effettuare upgrade hardware.

teardowniMac

iFixit fa notare che la maggior parte degli interni sono gli stessi del modello precedente dello scorso anno, ci sono alcune differenze notevoli. In primo luogo, il teardown ha rilevato che il nuovo display dell’iMac 4K è prodotto da LG.

CfiGRlJQiCSPFYqu.huge

È un display DCI-P3, che dispone di una gamma di colori più ampia dello standard sRGB. Possiamo vedere il confronto tra un display retina (prima immagine) e uno non retina (seconda immagine), il nuovo display 4K IPS ha più di 9 milioni di pixel e la differenza si nota a colpo d’occhio rispetto a un normale schermo non retina.

retina non retina retinaVsNonRetina

Apple ha anche rimosso la slot PCIe SSD, il che significa che non sarà possibile effettuare l’upgrade a Fusion Drive “fai da te”. Infatti è consigliato in fase d’ordine scegliere l’iMac direttamente con Fusion Drive o  con unità Flash SSD.

Nel complesso, iFixit ha dato al nuovo iMac da 21,5 pollici un punteggio riparabilità di 1 su 10 per via della RAM saldata, dell’assenza del connettore per il Fusion Drive, la CPU saldata sulla scheda logica e, in aggiunta  uno schermo con il display incollato al vetro, il che significa che il nuovo desktop computer è estremamente difficile da riparare.

Vi lasciamo a una galleria fotografica di alcuni passaggi dello smontaggio e, alla guida step by step del Teardown

6IoMkdm5xGm4sR3S.huge bxyw1GYQbeFOwXWG.huge je4lHAK2yqVpvhWb.huge

Mtn5d22tQAABRY4c.huge CVYMOFWVtEnuorlx.huge lWByj1L2XX6Tv5GO.huge-2

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: