Vediamo da vicino il Remote Loop, il laccetto per il telecomando della Apple TV che costa ben 15€!

Nel 2006 Nintendo ha dimostrato che aggiungere un sensore di movimento all’interno di un telecomando può risultare davvero divertente per i giocatori, soprattutto durante le feste. Tuttavia, può risultare anche molto pericoloso per i televisori!

remote loop

Video di Epic Fail con televisori rotti a causa del lancio del telecomando Wii infatti, rimbalzano da anni su YouTube e la stessa cosa potrebbe succedere con il nuovo Siri Remote della Apple TV di quarta generazione.

Per evitare tutto questo, Apple ha realizzato un semplicissimo laccetto da legare al polso ma la cosa che lascia perplessi è il suo costo: ben 15€!

Andiamo quindi a vedere da più vicino questo laccetto.

remoteloop-1

Anzichè legarlo ad un foro posto sulla superficie del telecomando, il Remote Loop va collegato nell’ingresso Lightning, posto nella parte inferiore del dispositivo. Ricordiamo che il telecomando può essere effettivamente ricaricato tramite cavetto Lightning ma il Remote Loop, pur ricordandone il Design, non dispone ovviamente di nessun collegamento fisico per comunicare con l’hardware. L’unica differenza rispetto ad un vero cavetto Lightning sta in due dentini posti ai lati che si abbassano quando il connettore viene inserito e si riaprono all’interno. In questo modo saremo sicuri che il telecomando non potrà staccarsi e che il nostro televisore vivrà ancora tanti giorni.

Quando vorremo sganciare il cavetto, dovremo cliccare con due dita contemporaneamente sui lati del connettore esterno, che richiamerà “i dentini” all’interno, agevolandone l’uscita. Un po’ come erano costruiti prima i vecchi cavetti dock per iPod.

Particolari motivi da giustificare il costo di 15€? Nessuno.

Via | 9to5mac

Nel 2006 Nintendo ha dimostrato che aggiungere un sensore di movimento all’interno di un telecomando può risultare davvero divertente per…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: