Apple migliora la ricerca di applicazioni in App Store

Apple ha migliorato l’algoritmo che regola la ricerca di nuove applicazioni in App Store. Adesso, vengono mostrati risultati più accurati e più intelligenti.

ricerca app store

In passato la ricerca si basava unicamente sulle keywords (tag) inseriti dagli stessi sviluppatori su iTunes Connect. A partire dal 12 Novembre invece, Apple ha integrato un nuovo algoritmo che oltre ai tag riesce a tener conto delle funzionalità incluse nelle applicazioni.

Un esempio pratico:

In precedenza cercando Twitter potevamo vedere comparire un’infinità di applicazioni anche poco popolari o utili. Adesso la ricerca avviene anche sui nomi delle applicazioni simili e sulle funzionalità incluse. Per questo motivo riusciamo a vedere Periscope come secondo risultato (dato che l’applicazione appartiene a Twitter), Tweetbot come quarto risultato e Twitterrific come quinto.

appstoresearchresults

In passato questi client avevano una posizione peggiore nei risultati di ricerca e compariva anche Instagram tra i primi risultati legati alla parola Twitter, cosa decisamente poco pertinente ma basata sulla Keyword.

Inoltre, adesso la ricerca tiene conto di errori di digitazione e riesce a mostrare i risultati più vicini alla parola digitata. Se provate a scrivere “teitter” riuscirete comunque a visualizzare l’applicazione di Twitter mentre in passato si visualizzava soltanto la scritta “Nessun applicazione corrisponde ai termini digitati”. C’è ancora del lavoro da fare e non tutte le applicazioni sono gia state completamente re-indicizzate.

Questi miglioramenti potrebbero essere il frutto di una recente acquisizione d’aziende da parte di Apple.

Apple ha migliorato l’algoritmo che regola la ricerca di nuove applicazioni in App Store. Adesso, vengono mostrati risultati più accurati e…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: