Effetti negativi degli smartphone: l’Italia è prima in Europa

Gli smartphone, ma anche tablet e smartwatch, fanno ormai sempre più parte delle nostre vite, e forse anche troppo. Infatti secondo la ricerca Global Mobile Consumer Survey 2015 svolta da Deloitte in 31 paesi su un campione di quasi 50.000 utenti, gli italiani sono i più dipendenti dallo smartphone.

dipendenza-smartphone

Controllare lo smartphone è ormai una mania, è diventato uno strumento ormai sempre presente nelle vite di alcuni utenti, in ogni occasione. Questi comportamenti però possono essere davvero pericolosi, come ad esempio mentre si guida, irritanti, e negativi per i rapporti sociali.

Questo si legge su Repubblica.it: «Esibizionisti e maleducati, incivili e viziati: infrangono il codice della strada, non rispettano le più basilari norme del galateo e inseguono la moda. E ancora: ossessionati dalle notifiche e dipendenti dai social».

Secondo lo studio in questione, noi Italiani siamo i primi in tutta Europa a controllare lo smartphone quando ci svegliamo (70%) e prima di andare a dormire (63%). È stato registrato inoltre un importante aumento dell’utilizzo tra gli over-65, che passano in un solo anni dal 19% al 28%. Restando in Italia e parlando di sprechi, secondo Deloitte l’8% acquista un determinato dispositivo solo per seguire la moda, il 36% solo per motivi estetici, e il 28% perché il precedente modello non funzionava più.

Ha così commentato questi dati Alberto Donato, Partner Deloitte e TMT Industry Leader: «Sempre con noi da mattina a sera, lo smartphone si è trasformato in un oggetto capace di modificare, e non sempre in meglio, abitudini e stili di vita degli italiani: persino il Galateo e il Codice della Strada devono arrendersi all’utilizzo smodato che gli italiani fanno del cellulare».

E voi, pensate di rientrare in questa categoria?

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
1
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: