Apple Watch e privacy: al sicuro i dati degli utenti

Non è un mistero quanto Apple tenga alla questione della privacy sui dati rilasciati dai suoi utenti. Un modus operandi abbastanza rigido ha spesso causato diverse accuse all’azienda attaccata non poche volte dai capi della polizia. Apple Watch, primo indossabile made in Cupertino, si dimostra molto più attento ai temi di privacy e tutela dei dati rispetto alla gran parte dei concorrenti presenti sul mercato.

apple watch e privacy sicurezza

I protocolli di sicurezza attuati in Apple Watch sono finalizzati a proteggere i dati, spesso sensibili, che gli utenti scelgono di memorizzare all’interno del dispositivo. La privacy, inoltre, è ancor più tutelata se si pensa che in molti indossabili come il FitBit è possibile agganciarsi al Bluetooth del dispositivo grazie ad operazioni nemmeno troppo complesse riuscendo a seguire gli spostamenti dell’utente.

Il problema principale, per la concorrenza, sta ad esempio nella frammentazione del mercato Android, che non da possibilità di creare uno standard univoco su cui basare la sicurezza dei propri dispositivi.

Altro merito di Apple Watch risiede questa volta nei numeri: il 2015 ha visto venduti circa 12 milioni di smartwatch dei quali due terzi Apple.

Via | AppleInsider

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: