Telegram punta sulla crittografia peer-to-peer, ben più sicura di quella di Whatsapp

La “guerra” tra Whatsapp e Telegram continua. La scorsa settimana la più popolare applicazione di messaggistica immediata ha migliorato la crittografia end-to-end rendendo più sicure le conversazioni, tuttavia il sistema utilizzato, sebbene molto più sicuro, non può essere definito del tutto “privo di interferenze”.

telegram peer-to-peer p2p

Alcune informazioni infatti, viaggiano comunque tramite server e pertanto potrebbero essere intercettate. In aggiunta, lo scorso Ottobre, gli operatori iraniani avevano bloccato e limitato l’utilizzo di Telegram e proprio in base a questo avvenimento il CEO di Telegram annunciò l’arrivo della comunicazione peer-to-peer.

In questo caso non è previsto alcun tipo di intermediario o server e le comunicazioni viaggiano su un circuito diretto che si stabilisce tra mittente e destinatario. La sicurezza è ai massimi livelli e questo cambiamento renderà davvero impossibile il blocco del servizio da parte degli operatori, dei governi etc.

Telegram-crittografia-peer-to-peer-2

Dallo scorso Ottobre fino ad oggi sono stati compiuti dei passi in avanti e, a quanto pare, siamo vicini al rilascio di questa novità

Il CEO di Telegram ha annunciato che questo cambiamento renderà il servizio davvero impossibile da bloccare.

Se utilizzate Telegram e volete seguire iSpazio, potete farlo cliccando qui: telegram.me/iSpazio

Like
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: