I cavetti USB-C diventano come i Lightning con protocolli che bloccano i caricabetterie non certificati

L’USB Implementers Forum (USB-IF) ha annunciato l’arrivo di un’autenticazione crittografica che potrà essere implementata nei dispositivi al fine di riconoscere l’autenticità dei cavetti USB di tipo C.

usb-c

I cavi USB-C diventeranno proprio come i Lightning di Apple. Infatti, se provate a connettere un cavetto contraffatto all’iPhone, verrà limitata l’operazione di sincronizzazione garantendo soltanto quella di ricarica. Come se non bastasse, Apple avvisa attraverso un popup che il cavetto non è orginale ed in diversi casi blocca anche la ricarica, via software.

Tutto questo è mirato ad accrescere la sicurezza. La certificazione dei cavetti infatti, eviterà di utilizzare quelli a basso costo e di bassa qualità che in alcuni casi possono danneggiare gli smartphone “friggendoli”. Benson Leung, un ingegnere di Google, ha testato e dimostrato come diversi cavi venduti su Amazon presentavano gravi difetti e problematiche arrecando danni a smartphone e computer. Amazon ha immediatamente provveduto alla rimozione di questi cavetti di scarsa qualità, tuttavia il consorzio vuole eliminare il problema a monte e ci riuscirà attraverso la certificazione.

Verranno quindi implementati due protocolli, uno per l’autenticazione di caricabatterie, cavi e dispostivi, l’altro per controllare le policy di autorizzazione dei dispositivi. Appena collegheremo un cavo USB-C ad un dispositivo avverrà immediatamente il controllo e solo dopo avverrà il passaggio di corrente.

Like
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: