Facebook testa l’autodistruzione dei messaggi su Messenger?

Tutte le aziende tecnologiche che forniscono servizi agli utenti stanno incentrando i loro sforzi a garantire una maggiore privacy per i loro utenti. Se Whatsapp (di proprietà di Facebook) ha introdotto la crittografia end-to-end nelle chat, sembra che Facebook stia implementando un nuovo servizio su Messenger.

facebook messenger messaggi autodistruzione

Sembra che il grande social network di Mark Zuckerberg stia testando un servizio che introduce l’autodistruzione dei messaggi inviati attraverso Messenger.

L’anteprima è stata segnalata su Twitter dove sono state pubblicate le immagini della nuova caratteristica integrate in Messenger versione 68.0 per iOS. Anche se questa è la versione attuale dell’applicazione di Facebook disponibile su App Store, la funzionalità è destinata ad essere integrata in un aggiornamento futuro.

fb

L’autodistruzione dei messaggi consente agli utenti di stabilire quanto potrà durare ogni messaggio, con un tempo stabilito in minuti, giorni, mesi o anni. Quando arriverà il momento della scadenza, il destinatario non sarà più in grado di visualizzare il contenuto e, naturalmente, il destinatario sarà avvisato dell’evenienza.

Schermata 2016-05-02 alle 10.29.40 Schermata 2016-05-02 alle 10.34.44

Inoltre Facebook sta anche sviluppando la funzione che permette di avviare “chat segrete” per Messenger che al momento non è accessibile a tutti gli utenti.

Applicazioni concorrenti come Telegram hanno già implementato questa funzione e la chat segreta è limitata ad un singolo dispositivo con la comunicazione crittografata in entrambe le direzioni quindi è logico che Facebook si stia attrezzando per rimanere competitiva. Le nuove caratteristiche dovrebbero coinvolgere prima gli utenti iOS e, successivamente, le altre piattaforme.

Via | VentureBeat

Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: