Il gioco dei Pokèmon è una miniera d’oro! Intanto si verificano altri disagi tra i giocatori

Il fenomeno Pokèmon GO continua a dilagare anche se iniziamo a parlarne di meno per una scelta redazionale. In questo articolo raccogliamo le ultime novità del caso.

poke

Il gioco ha duplicato il valore di mercato di Nintendo in poche settimane, raggiungendo la cifra di 42.5 miliardi di dollari. L’azienda ha battuto i record della borsa di Tokyo questo venerdì, crescendo di 4,5 miliardi di dollari in un solo giorno.

Al momento Nintendo vale più di SONY, il cui valore si aggira intorno ai 40 miliardi di dollari e se questa notizia non fosse già pazzesca, possiamo dire che un’analista ha previsto guadagni per 3 miliardi di dollari anche per Apple.

L’azienda di Cupertino infatti, percepisce il 30% degli acquisti in-app. Considerando che Candy Crush ha generato più di 1 miliardo di dollari di guadagni per Apple sia nel 2013 che nel 2014 e che Pokèmon GO ha un’utenza propensa a spendere soldi 10 volte maggiore, le prospettive sono tra le più rosee di sempre.

Lo scorso anno Apple è riuscita a guadagnare 20 miliardi di dollari dall’App Store. Con Pokèmon GO, 3 miliardi potrebbero arrivare da un solo titolo, in un periodo di 12-24 mesi.

Nel frattempo crescono i disagi dovuti a questo gioco, o meglio alle persone che si estraniano completamente dalla realtà che li circonda pur di catturare una creatura virtuale.

A New York, un ragazzo di 28 anni si è schiantato contro un albero per giocare, altri due sono caduti da un dirupo di 15 metri a San Diego. Nel Regno Unito 4 teenager sono stati salvati dopo essersi persi per oltre 5 ore. Non mancano irruzioni nella proprietà privata di altre persone e sparatorie reali dopo aver scambiato i giocatori per dei latri.

Via | 9to5mac

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: