iPhone 7: problemi durante le fasi di produzione dei modelli neri, e i tempi di attesa si allungano

Dalla Cina arriva la conferma riguardo le problematiche nella produzione dei nuovi iPhone 7 nelle colorazioni black e jet black. I report dei fornitori mostrano tassi di rendimento veramente molto bassi nella produzione dei nuovi melafonini nelle due colorazioni più richieste.

ispaziojetblack

Secondo l’analista Ming-Chi Kuo di KGI Securities, al momento i fornitori di Apple hanno un tasso di rendimento nella produzione degli iPhone, nelle suddette colorazioni, molto basso, pari al 60-70%. Il 30-40% delle unità non passano i test qualitativi perché non rispondono agli standard richiesti dall’azienda di Cupertino.

La causa principale, di una così alta percentuale di dispositivi che non supera i test, è ovviamente il complesso processo di produzione, le ben nove fasi di anodizzazione ad alta precisione per l’innovativo processo di lucidatura del jet black sono la causa preminente dei ritardi nelle consegne. lo stesso discorso vale per la colorazione black anche se in misura minore.

Sempre secondo Kuo, a pesare sulle già scarse scorte di iPhone, vi è l’inattesa, grande richiesta di iPhone 7 Plus dovuta al recente problema di Samsung con i suoi Galaxy 7 esplosivi, che ha indotto molte persone ad acquistare questo modello.

Nonostante la lunga attesa da parte degli acquirenti che ancora aspettano con ansia il loro iPhone 7 e 7 Plus, la domanda complessiva di iPhone 7 , quest’anno secondo alcuni report, è inferiore a quella del precedente; considerando anche il numero di paesi della prima ondata al debutto l’iPhone 7 (28 quest’anno, contro 12 per l’iPhone 6S).

 

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: