Le ombre dello Zune HD: Non è tutto oro quello che luccica?

Abbiamo più volte parlato dello Zune HD e delle sue grandi potenzialità a livello hardware. Tutti questi dati però, sembrano essere validi soltanto sulla carta, in quanto, nella realtà delle cose, il dispositivo non risulta cosi “superiore”. Appleinsider, in un articolo ripreso da Domenico Panacea su Macitynet, offre una serie di delucidazioni sul nuovo lettore multimediale della casa di Redmond che vi proponiamo di seguito:

Partiamo dallo schermo OLED, un display che tecnicamente offre diversi vantaggi ed un ridotto consumo di energia in quanto non necessita di una retroilluminazione attiva. Il problema si verifica negli ambienti esterni dove i pannelli OLED risultano meno luminosi della controparte LCD. Ne risulta che alla luce del sole si ottiene un’immagine qualitativamente povera con colori molto sbiaditi. Lo Zune HD infatti, è sempre stato mostrato in ambienti chiusi con poca illuminazione.

Gli schermo OLED inoltre, invecchiano molto più rapidamente degli LCD ed i Pixel blu si spengono prima degli altri colori. Per quanto riguarda il dispendio energetico, nei casi in cui si verifica il bisogno di una maggiore illuminazione, l’OLED consuma molto di più dell’LCD. Probabilmente è per questo motivo che alla Microsoft hanno scelto un’interfaccia utente quasi completamente nera poichè un’immagine bianca consuma fino al 300% di batteria in più rispetto ad un LCD nelle medesimi condizioni di utilizzo.

Il secondo “punto di forza” dello Zune HD dovrebbe essere rappresentato dal processore NVIDIA Tegra, che assicura delle ottime performance grafiche. Sempre secondo AppleInsider però, la Microsoft non sta utilizzando una versione light opportunamente adattata al dispositivo, bensì una versione derivata da una tecnologia che risale al 2007 dietro cui si cela PortalPlayer.

Questa azienda venne acquisita da Nvidia e tale tecnologia è praticamente la stessa che si cela dietro i vecchi iPod. Lo Zune HD quindi utilizza un processore già datato e che Apple ha superato da qualche anno. Questo Tegra si basa su un’artchitettura ARMv6 che corrisponde al vecchio iPhone, al Nokia N95 e all’HTC Hero. Gli iPhone 3GS e gli iPod Touch invece, utilizzano il più moderno Cortex-A8, con una memoria DDR2.

Un confronto tra le due tecnologie dimostra che un gioco come Quake III riesce a girare a 35 fps sul Tegra mentre sul Coretx-A8 arriva a 60 fps.

AppleInsider è in disaccordo anche con il nome del dispositivo, il cui suffisso HD non sarebbe giusto. Sullo schermo dello Zune infatti, non è possibile riprodurre video in HD, anzi, la risoluzione del display risulta perfino inferiore a quella dell’iPhone/iPod Touch con 480×272 pixel contro i 480×320 pixel. L’HD si riferisce soltanto all’output video sul televisore, che è una caratteristica di tutto rispetto ma che non dovrebbe essere abbinata al nome del dispositivo.

Insomma i dubbi su questo Zune sono ancora tanti. Soltanto il tempo ed il feedback degli utenti potranno confermare o meno la sua validità.

Abbiamo più volte parlato dello Zune HD e delle sue grandi potenzialità a livello hardware. Tutti questi dati però, sembrano…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in:
Prima di commentare, leggi il Regolamento. Se commenti, dichiari di aver letto ed accettato tutte le nostre regole sulle discussioni nel nostro Blog.