ANTEPRIMA! YiPhone: la risposta del mitico GeoHot a ZiPhone e tutte le novità riguardo lo sblocco dell’iPhone 3G e dell’iPhone EDGE 2.0

Sono senza parole, il ragazzo di soli 18 anni che diversi mesi fa ha scoperto il metodo di unlock per gli iPhone EDGE che attualmente viene usato da tutto il mondo e per tutti i metodi di unlock (ZiPhone, iLiberty, Pwnage Tool, WinPwn..), torna all’attacco con il firmware 2.0 e l’iPhone 3G. Prepariamoci ad usare YiPhone, un nuovo software interamente sviluppato da lui che sfrutta appunto il suo metodo di unlock e che sarà applicabile anche ai nuovi iPhone ed i nuovi firmware. George Hot è in assoluto la persona che più apprezzo, e non ci sono dubbi sulla sua genialità. YiPhone E’ una risposta a ZiPhone, che tutti conoscerete, e decriptando il counter sul suo sito (basta cambiare font da simboli verso arial) ho potuto notare che mancano meno di 50 ore per il lancio. Questo nuovo software sta suscitando enormi pressioni sugli altri, ed in particolare il Dev-Team ha pubblicato un articolo sul loro blog, dove hanno spiegato che George faceva parte del loro team, adesso che ne è uscito sta premendo per il rilascio immediato della versione 2.0 di Pwnage Tool, (ma i fini sono nobili, come spiegherò alla fine del post, e poi si sa che il dev-team in quanto a date non è mai stato precisissimo, e per questo apprezzo George doppiamente). Malgrado tutto ciò il Dev-Team ci comunica che non accoglierà la provocazione e che il loro software sarà rilasciato non appena sarà sicuro e testato tante volte, non un minuto piu tardi!

Altre informazioni mi sono state “illustrate” dall’admin di iPhoneFreakz su msn, che mi ha fornito il link del blog di GeoHot dal quale si può leggere:

Post beta 4, the ramdisk hack stopped working. Sorry Zibri, guess you’ll have to steal another exploit. They also changed the recovery mode USB protocol to use the control endpoint to send commands.

The possiblity of unlocking, which is very distinct from jailbreaking, is based entirely on the baseband bootloader. Apple doesn’t appear to upgrade the bootloader on phones in the field, probably for fear of breaks. So any old iPhones out there today, regardless of version, can be unlocked.

The iPhone 3G uses a different bootloader, which I believe there aren’t any known exploits in yet. So no unlock.

There is a known exploit in iBoot, on both the old and 3G iPhones. The “the specific date/time is not firm yet” pwnage tool will leverage it to jailbreak all 2.0 software iPhones, 3G and otherwise. Dev team, that date better be soon or I might just have to release yiPhone. The iBoot exploit is yours, use it. You wouldn’t want a repeat of ZiPhone now…

Si evince che il nuovo firmware relativo all’iphone 3g è bloccato in maniera del tutto diversa rispetto alla precedente e -secondo le sue parole- questa volta Zibri sta avendo filo da torcere in quanto non può usare il vecchio metodo della RAMdisk (scoperto da GeoHot e “usato” da lui) per sbloccare gli iphone. E’ stato inoltre cambiato il protocollo USB relativo al recovery mode che non permette più di usare il “control endpoint” per inviare comandi (quelle scritte bianche veloci). La possibilità di sbloccare il terminale, cosa diversa dal jailbreak, dipende esclusivamente dal baseband bootloader, quindi tutti gli iPhone EDGE aggiornati al 2.0 possono facilmente essere sbloccati. Gli iPhone 3G invece, usano un bootloader diverso e non ci sono ancora conoscenze approfondite su quest’ultimo, quindi per ora l’iPhone 3G non si sblocca! George parla molto bene dell’applicazione iBoot del Dev-Team ed è per ora l’unico modo per sbloccare sia il 3G che il vecchio iPhone, ed è per questo che ha iniziato a premere sul Dev-Team affinchè comincino a lavorarci sopra, prima che sia costretto a rilasciare yiPhone, dato che non desidera vedere il seguito di ZiPhone!

Concludo con tre parole: George ti amo!

Sono senza parole, il ragazzo di soli 18 anni che diversi mesi fa ha scoperto il metodo di unlock per…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in:Senza categoria