usbmuxd: inizia da qui il primo progetto per una sincronizzazione completa di iPhone ed iPod Touch su Linux

Un intrapendente developer, tramite un articolo sul suo blog, ha iniziato uno dei progetti probabilmente più desiderati da tutti gli amanti del sistema operativo Linux. Tramite l’unione di più software appositamente modificati, infatti, tutti potranno sincronizzare il proprio dispositivo Apple utilizzando diversi software che simuleranno le funzionalità presenti su iTunes, attualmente disponibile soltanto per Mac e Windows.

iphonelinux-stack

I terminali Apple, diversamente dagli altri, sfruttano un particolare tipo di comunicazione tra software e PC che finora non ha permesso di completare tale porting.

  • libusb-1.0: delle speciali API che permettono di accedere tramite USB al nostro dispositivo su Linux;
  • usbmuxd: un’applicazione che gestisce la connessione e trasferisce i dati e i comandi;
  • libiphone: aggiunge alcuni protocolli specifici Apple che permettono la sincronizzazione e l’esecuzione di alcuni importanti ed essenziali processi;
  • iFuse gvfs-backend-afc: entrambi dedicati a dei particolari accessi necessari per il funzionamento del software;
  • libgpod: le classiche librerie musicali già presenti su iTunes;
  • Amarok e Rhythmbox: due player musicali, già disponibili al download, che tramite alcune lievi modifiche simuleranno tutte le funzionalità di iTunes.

E’ stata, quindi, rilasciata una prima versione di usbmuxd che attualmente permette, soltanto ai possessori di iPhone Jailbroken, di accedere in SSH tramite connessione USB. Potete scaricare l’archivio semplicemente cliccando qui.

Il developer, inoltre, cerca altre persone interessate e che potrebbero contribuire al progetto. Per ulteriori informazioni a riguardo potete leggervi l’articolo dedicato nel blog ufficiale.

Grazie eema per la segnalazione

Un intrapendente developer, tramite un articolo sul suo blog, ha iniziato uno dei progetti probabilmente più desiderati da tutti gli…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: