Anche in Italia Apple approva un’applicazione che utilizza API Private: Ecco la testimonianza dello sviluppatore.

In riferimento all’articolo che abbiamo pubblicato poco fa, relativo alla scelta di Steve Jobs di approvare personalmente un’applicazione che utilizzava API private, andando contro le regole della sua stessa società, siamo stati contattati da Nicola De Franceschi, uno sviluppatore italiano che ha avuto un’esperienza molto simile.

L’ultimo aggiornamento di Future Mail infatti, utilizza API private. Apple se ne è accorta ma ha deciso ugualmente di approvare l’applicazione. Il servizio di review ha inoltre inviato una mail allo sviluppatore, con testuali parole:

During our review of your application we found it is using a private API, which is in violation of the iPhone Developer Program License Agreement section 3.3.1; “3.3.1 Applications may only use Documented APIs in the manner prescribed by Apple and must not use or call any private APIs.” While your application has not been rejected, it would be appropriate to resolve this issue in your next update.

E’ quindi aumentata la tolleranza, in maniera considerevole, ed hanno dato allo sviluppatore tutto il tempo necessario per realizzare un nuovo aggiornamento che risolva questo problema. Dato che prima ci si lamentava del fatto che le regole o vanno applicate a tutti o a nessuno, penso che in questo caso Apple non stia discriminando nessuno. Siamo pronti ad accogliere ulteriori testimonianze sia positive che negative, intanto se vi interessa conoscere altri dettagli sull’applicazione Future Mail, cliccate qui.

In riferimento all’articolo che abbiamo pubblicato poco fa, relativo alla scelta di Steve Jobs di approvare personalmente un’applicazione che utilizzava…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: