Smentiamo la notizia della BlackList delle Applicazioni

Smentiamo la notizia di qualche giorno fa, riportata da tutti i blog del mondo (compreso il nostro) relativa alla blacklist delle applicazioni. Innanzitutto devo dire che “l’illuminazione” viene da un commento di un nostro utente, Daniele, che ringraziamo

La storia è semplice (e John Gruber di Daring Fireball ce la spiega): Jonathan Zdziarski ha riportato su iPhone Atlas la notizia della blacklist che Apple avrebbe incluso nel sistema operativo dell’iPhone e che controllerebbe le applicazioni non autorizzate o dannose per bloccarle, persino se già pagate dall’utente. Si fa anche riferimento all’indirizzo iphone-services.apple.com/clbl/unauthorizedApps che si trova nel codice di iPhone

La realtà è che il suddetto URL fà soltanto riferimento all’uso del Core Location ( il ”clbl” nell’URL si riferisce a “Core Location Blacklist”), ed infatti si trova proprio all’interno di quel framework. E’ facilmente intuibile quindi che “non è una blacklist per disabilitare le applicazioni completamente, ma piuttosto specificatamente per prevenire che le applicazioni elencate abbiano accesso a Core Location – un’API che, per ovvie ragioni di privacy, è coperta da regole molto ferree nella guida SDK di iPhone.”

Smentiamo la notizia di qualche giorno fa, riportata da tutti i blog del mondo (compreso il nostro) relativa alla blacklist…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in:Senza categoria
Prima di commentare, leggi il Regolamento. Se commenti, dichiari di aver letto ed accettato tutte le nostre regole sulle discussioni nel nostro Blog.