iPhone ed i non-vedenti: un binomio forse poco considerato [Video]

Quello che tratterò oggi è un argomento decisamente delicato ma che ritengo necessario portare alla vostra attenzione con la speranza di poter quantomeno rendervi partecipi di una realtà che non consideriamo con la giusta importanza, ma che purtroppo fa parte del nostro quotidiano.

cane_guida

L’idea di scrivere questo articolo nasce dalla segnalazione di un nostro utente non-vedente che, come molti altri disabili visivi, si trova spesso di fronte a non poche limitazioni. L’approccio alla vita di una persona non-vedente è ovviamente diverso ma non per questo deve risultare più difficile: ci troviamo in un’epoca in cui l’uomo sta facendo passi da gigante nel tentativo di abbattere le barriere architettoniche che quotidianamente affliggono le persone disabili.

Per quanto riguarda il nostro settore, sappiamo benissimo che Apple ha sviluppato diverse funzioni a riguardo, raccolte tutte nella sezione Impostazioni > Generali > Accessibilità. Queste, funzionano tutte ottimamente con le applicazioni native e con le operazioni di base indispensabili (se così possiamo definirle) come l’avvio di una chiamata, l’invio/ascolto di un messaggio o la richiesta di un indicazione stradale. Durante il keynote dello scorso 11 giugno, Apple si è ulteriormente soffermata per diversi minuti su questo argomento, mostrandoci che l’iPhone può e DEVE essere utilizzato da chiunque, senza distinzioni e/o limitazioni.

Come ho anticipato all’inizio, nella segnalazione di questa mattina ho potuto ascoltare la richiesta di un utente cieco che si trova spesso di fronte ad applicazioni che, purtroppo, non sono ottimizzate sotto questo aspetto. Nello specifico, non sono state testate con le funzioni che Apple mette a disposizione per utenti disabili, rendendone di fatto l’utilizzo decisamente difficoltoso o peggio ancora impossibile.

Quello che intendo fare è quindi un appello a tutti gli sviluppatori di applicazioni che, sicuramente agendo in buona fede, non considerano o più ingenuamente dimenticano che le loro applicazioni potrebbero essere utilizzate da molti più utenti. Sono tantissime le applicazioni cosiddette “di servizio” che non sono ottimizzate sotto questo aspetto e che dovrebbero invece poter essere utilizzate liberamente da tutti.

Se siete sviluppatori, pensateci su…non vi piacerebbe scoprire che la vostra applicazione viene scelta proprio perché ottimizzata e funzionante anche sotto questo aspetto?

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: