Tim Cook sostiene la legge sulla non-discriminazione sul luogo di lavoro

Il CEO Apple, Tim Cook, si è pubblicamente espresso a sostegno dell’attesa legge Employment Nondiscrimination Act o legge sulla non-discriminazione sul luogo di lavoro, rilasciando le proprie dichiarazioni nella forma di un editoriale per il Wall Street Journal. Eccone un estratto.

51091983tim-cook

Nelle sue parole, Tim Cook esprime i sentimenti della società verso la questione della parità di trattamento sul posto di lavoro negli Stati Uniti. La legislazione dovrebbe proibire atti di discriminazione, siano essi sessuali, religiosi o civili, ai fini dell’assunzione o di altre pratiche di lavoro. Cook spiega nel suo articolo che Apple ha creato “un luogo di lavoro sicuro e accogliente per tutti i dipendenti, indipendentemente dalla loro razza, sesso, nazionalità o orientamento sessuale“.

Ecco le parole del CEO Apple:

La politica contro la discriminazione attuata da Apple per i lavoratori statunitensi, va oltre a quelle che sono le protezioni legali attualmente previste dalla legge, in particolare perchè la nostra società vieta già ogni tipo di discriminazione nei confronti dei dipendenti omosessuali, bisessuali o transgender. Il disegno di legge ora all’esame del Senato degli Stati Uniti, dovrebbe aggiornare tali leggi sul posto di lavoro e, finalmente, proteggere i lavoratori contro le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e l’identità.

Esortiamo i senatori a sostenere l’Employment Nondiscrimination Act.

Oggi il senato voterà per tale legge. Vi terremo aggiornati su eventuali ed ulteriori dichiarazioni da parte della società.

Via | 9to5Mac

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: