Apple istruisce i dipendenti ad affrontare il pericolo attentati

Gli attentati che hanno sconvolto e continuano a sconvolgere il mondo hanno costretto le aziende ad istruire il proprio personale sulle modalità per affrontare allarmi. Anche Apple, nella sezione del proprio sito destinata ai dipendenti, fornisce le linee guida per il comportamento da adottare in caso di pericolo.

pericolo

Apple ha stilato il programma “Be Safe” che spiega agli impiegati le regole di comportamento nel caso di eventi pericolosi e un meccanismo per conoscere lo stato di salute e la loro posizione.

Nell’occasione del tragico evento di Nizza l’azienda ha inviato un SMS ai dipendenti, invitandoli a restare lontani dalla Promenade Des Anglais, luogo dell’attentato. Il messaggio è arrivato diverso tempo dopo la messa in sicurezza della zona ma comunque in anticipo rispetto a quello inviato dall’applicazione governativa SAIP.

Probabilmente la stessa modalità è stata adottata anche in Turchia, paese dove Apple ha due negozi, in occasione del fallito golpe.

I destinatari potevano rispondere con un brevissimo messaggio di testo contenente il numero 1 per confermare la sicurezza del dipendente e conteggiare quanti invece fossero in pericolo.

I consigli che Apple dispensa nella sezione del sito destinata ai dipendenti sono semplici e studiati per la massima efficacia:

  • Reagire con prontezza;
  • Fuggire al più presto senza pensare agli effetti personali (tranne il telefono);
  • In mancanza di vie di fuga, mettersi al riparo dietro i muri più spessi;
  • Impostare iPhone in modalità silenziosa;
  • Utilizzare qualsiasi oggetto come strumento di difesa;

Negli Stati Uniti Apple ha imposto ai dipendenti di esporre in maniera ben visibile il cartellino di riconoscimento e fornire il numero di telefono per poter essere contattati.

Via | MacG

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: