Connect with us

Hi, what are you looking for?

Apple

Apple ha ammesso di avere un centro di ricerca a Cambridge dedicato ai ricercatori di Siri

Alcuni mesi fa Apple ha aperto il suo primo ufficio a Cambridge, vicino alla conosciuta università del Regno Unito. Oggi abbiamo finalmente scoperto qual’è lo scopo di questo nuovo edificio e delle 30 persone che lavorano all’interno.

Come si vociferava già qualche mese fa, Apple ha creato questo nuovo ufficio per la ricerca e lo sviluppo di Siri, l’assistente vocale di iOS, macOS, watchOS e tvOS. La notizia è stata svelata da Cambridge News, che ha confermato lo scopo di questa nuovo centro R&D dell’azienda di Cupertino.

Ci sono più di 30 persone, compreso lo staff di VocalIQ, che lavorano all’ufficio di Hills Road. Più precisamente stanno sviluppando nuove versioni di Siri per competere con i concorrenti come Amazon e Google

Apple ha acquistato l’azienda VocalIQ nel 2015, per la sua specializzazione negli assistenti virtuali. Uno degli obiettivi principali dell’azienda di Cupertino è quello di ottimizzare al meglio Siri per poter offrire un assistente virtuale di alto livello a tutti i suoi clienti. Vedremo se le novità in merito arriveranno già quest’anno con le nuove versioni dei suoi sistemi operativi, oppure se verranno rilasciate appena in seguito.

Via | 9to5Mac

Advertisement. Scroll to continue reading.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Potrebbero piacerti

Operatori

La fusione tra Wind e Tre ha creato un grosso operatore che oggi lancia sul mercato il proprio virtuale chiamato Very Mobile. Per i...

News

Si prevede che Apple introdurrà diversi cambiamenti significativi nella gamma di iPhone entro la fine dell’anno con la serie iPhone 12. Tuttavia, prima di...

News

Vi avevamo precedentemente segnalato che i dipendenti Target aveva pubblicato l’immagine di un elenco di prodotti in cui viene mostrato un modello di “Airpods...

AirTag

L'imminente accessorio di tracciamento simile a Tile di Apple, provvisoriamente chiamato "AirTag", potrebbe utilizzare una ricarica wireless simile all'Apple Watch ed essere "completamente impermeabile".

Advertisement

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.