Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Microsoft ringrazia Google ed incassa royalties da 10 produttori di smartphone Android
Concorrenza

Microsoft ringrazia Google ed incassa royalties da 10 produttori di smartphone Android 

Ben dieci società produttrici di smartphone e tablet con sistema operativo Android, preferiscono pagare royalties alla società di Redmond piuttosto che inciampare in pericolose battaglie legali sui brevetti. A Microsoft, che ha appena visto il lancio degli smartphone Nokia con il proprio sistema operativo, non resta che ringraziare la società rivale Google.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Secondo Goldman Sachsuna delle più grandi e affermate banche d’affari del mondo, nel 2012 Microsoft incasserà più di 500 milioni di dollari grazie agli accordi presi per tutelare i produttori di smartphone Android. Gli accordi stipulati con società del calibro di Samsung, HTC ed Acer, riguardano alcuni brevetti detenuti dal colosso di Redmond ed utilizzati senza alcuna autorizzazione dal sistema operativo Andorid di Google.

Con l’ultimo accordo, stipulato l’azienda taiwanese Compal, le tecnologie in licenza di Microsoft coprono il 55% degli smartphone e dei tablet Android in commercio. Compal è infatti un “original design manufacturer” molto importante nel mondo, produttore di dispositivi di colossi informatici come Amazon, Fujitsu Siemens, Lenovo, Dell, HP, Acer, Toshiba.

I due avvocati di Microsoft,  Horacio Gutierrez e Brad Smit, hanno affermato che la politica dell’azienda sta ridisegnando il panorama dei brevetti dei dispositivi mobili e che molte società dovrebbero affrettarsi a correre ai ripari. La società di Redmond negli ultimi anni ha speso un totale di 4,5 miliardi di dollari per usufruire dei brevetti altrui, perchè, dicono i due avvocati,  “se il nostro software infrange il brevetto di qualcun altro noi affrontiamo il problema, piuttosto che scaricarlo ad altri”.

Via | MobileJournal

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.