Apple e la mafia italiana perseguitano un cittadino americano

Ecco una storia abbastanza assurda riportata poche ore fa da AppleInsider che parla dell’ennesimo utente americano che ha querelato Apple:

Parte un nuovo caso da Beverly Hills, dove un uomo sostiene di essere spiato e controllato da Apple insieme alla mafia italiana, i quali trasmetterebbero messaggi minacciosi tramite il suo iPod.

Gregory McKenna, il protagonista di questa bizzarra storia, nella sua azione legale sostiene di aver acquistato due iPod (uno presso l’Apple Store ed un altro su eBay) che contengono dei ricevitori tramite i quali la mafia è riuscita a spiarlo ed a trasmettere varie minacce.

McKenna sostiene che queste minacce vengono accompagnate dal ritmo di alcune canzoni sulle quali si può sentire una voce sovrapposta che dice: “ho intenzione di ucciderlo”

La querela è pervenuta lo scorso Mercoledì nel Distretto della Corte U.S. nel Missouri, e nelle 124 pagine di protesta contro Apple vengono elencati una miriade di altri imputati tra cui Dipartimento di Polizia St. Louis County , un meccanico di auto, e sconosciuti agenti del “Federal Bureau of Investigation”.

Questa pazzesca storia iniziò nel 2000 quando McKenna affermò di essere stato minacciato dalla mafia italiana in un Night Club del Missouri, forzandolo a diventare un loro modello nella città di New York, finendo nel giro della schiavitù della moda, con queste testuali parole: “Farai da modello per noi a New York o ti uccideremo”.

Inutile dire che si tratta di uno dei racconti più strani che abbiamo mai potuto sentire tra le varie vicende giuridiche di Apple, ma come sappiamo, non è la prima volta che Apple viene denunciata da persone, come dire, con alcuni disturbi mentali per cui ci si può aspettare proprio di tutto!

Continua a leggere..

Lascia un commento

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!