Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Grande scompiglio in un Apple Store a causa di un iPod Touch Jailbroken considerato illegale!
iPhone

Grande scompiglio in un Apple Store a causa di un iPod Touch Jailbroken considerato illegale! 

Su Twitter sta girando una notizia veramente bizzarra e di dubbia credibilità ma che continua ad essere diffusa da tutte le persone con un gran numero di Followers, compreso Musclenerd del DevTeam. In particolare viene raccontata l’esperienza di un certo “hotrod1964” che si è recato in un Apple Store americano con un iPod Touch Jailbroken.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Il negozio non era particolarmentep ieno di gente e quindi immediatamente gli si avvicina un impiegato per domandargli se avesse bisogno di aiuto. “Hotrod” gli risponde di no, perchè sta facendo soltanto un giro per perdere un po’ di tempo. Il dipendente allora inizia ad intrattenerlo e gli rivolge alcune domande relative a quale tipo di computer avesse, quale cellulare e così via. Il ragazzo gli risponde di non avere un iPhone perchè non è d’accordo sulla politica restrittiva di Apple e che quindi è molto fiero del suo Droid e del suo iPod Touch.

Quando l’impiegato sente le parole iPod Touch, sorride compiaciuto e quindi “hotrod” lo estrae dalla tasca e lo mostra. Dopo aver illuminato la Lockscreen, l’impiegato intuisce immediatamente che il dispositivo è stato Jailbreakkato e quindi cade in un profondo silenzio prima di esclamare: “wow”, allontanandosi dal cliente.

Dopo pochi minuti il ragazzo è stato avvicinato dal direttore che ha subito asserito: “Mi hanno informato che dispone di un iPod Touch ILLEGALE” ed il ragazzo ha immegiatamente replicato: “No, non ho un iPod Touch illegale!” allora il direttore continua dicendo che era stato modificato ma il ragazzo, con la stessa prontezza di spirito gli risponde: “Si, è modificato e sono anche soddisfatto. Dovresti modificare anche il tuo perchè non sai cosa ti perdi!

Il manager quasi scandalizzato da queste parole, ha continuato a sbraitare “E’ illegale, è illegale, devi RESTITUIRLO!”

Ovviamente il cliente non aveva nessuna intenzione di restituire il proprio dispositivo, legalmente acquistato, affermando che poteva apportare tutte le modifiche che desiderava. A questo punto il direttore gli ha chiesto un documento di riconoscimento e dopo il rifiuto è stata chiamata addirittura la sicurezza!

La situazione è ampiamente degenerata, “hotrod” ha continuato a rifiutare di consegnare il dispositivo, confessando alla sicurezza di non aver compiuto nessun atto illegate poichè l’iPod Touch era stato regolarmente acquistato e non di certo rubato. Rivolgendosi al direttore inoltre gli ha intimati di andare in tribunale per capire come stavano le cose, chi avesse torto e chi avesse ragione. “Soltanto se me lo dirà il giudice consegnerà l’iPod Touch!”

Alla fine di tutto questo macello, i poliziotti hanno parlato con il gestore dell’Apple Store e quest’ultimo si è prontamente scusato con il cliente augurandogli una buona giornata.

Sinceramente non credo più di tanto a questa storia, tuttavia rapportato ad un contesto americano dove fatti del genere accadono abbastanza spesso, la vicenda acquista tutto un altro valore. Probabilmente non saremo mai se il racconto è realmente accaduto o meno ma sicuramente possiamo affermare di aver riso per 5 minuti.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.