ESCLUSIVA: Progressi nello sblocco del Bluetooth dell’iPhone [con IMMAGINI]

Oggi pomeriggio ho ricevuto una mail che potrebbe rivelarsi davvero interessante. Uso il condizionale perchè vorrei che la notizia passasse come un rumor, anche se per questo nostro utente è molto di più. Ve la propongo cosi come mi è arrivata:

Ciao Fabiano, sono MeDevil, uno dei developer del progetto iphonebluetooth (http://iphonebluetooth.tk/).
Dato che sono un lettore accanito di ispazio.net ho ritenuto che tu debba essere il primo a sapere che oggi, alle 13:00 sono riuscito a far rilevare al chipset bluetooth altri dispositivi mediante l’utilizzo di un programma in C da me stesso compilato. Sono riuscito ad accedere al livello HCI del chipset, su cui è possibile implementare tutti i profili del bluetooth oggi a disposizione.

Ho chiesto maggiori spiegazioni, e mi sono stati inviati questi screenshot:

Purtroppo non c’è una gui (dato che si tratta di dialogo col chipset)… La foto più interessante è la terza, ovvero quella con la scritta “Exiting”. In quella cosa puoi notare:
.
a) un indice di un array che non viene incrementato (per cui c’è sempre lo stesso indirizzo per tutti i dispositivi bluetooth trovati)
.
b) la scritta “Cod: 302104” e “Cod: 5a0204”, che identifica la “Class of device” (ovvero il tipo di dispositivo e alcune delle funzioni supportate).
.
Per il punto (b), i dispositivi elencati (rispettivamente un computer con dongle usb bluetooth e un sony ericsson K550i) non vengono rilevati dal menu bluetooth dell’iphone proprio per via del loro class of device. Inoltre ti allego una foto dello stesso sony ericsson che rileva l’iphone:
Dimenticavo di dirti che x ora hai l’esclusiva assoluta su questa notizia… quindi ricordati di inserire nel titolo “esclusivo ispazio” e di watermarkare le foto
Praticamente: L’applicativo scritto da Domenico ed eseguito da terminale dialoga direttamente con il chipset bluetooth dell’iphone al livello più basso, conosciuto come HCI e documentato nelle specifiche del Bluetooth. L’HCI si occupa dell’inizializzazione (generica) del chipset, della visibilità agli altri cellulari, della ricerca di dispositivi e dello scambio dati tra due o più dispositivi. E’ proprio su questo livello che vengono poi creati i vari profili come:

  • GOEP (OBEX): per lo scambio dei dati
  • AD2P: per lo streaming audio
  • HFP: per gli auricolari bluetooth, etc
Domenico dice che aveva già scoperto diversi metodi per dialogare con il chipset bluetooth a livello hci, ma nessuno di questi aveva prodotto fino ad ora il risultato sperato, ovvero rendere visibile l’iphone agli altri dispositivi e ricercare gli altri dispositivi dall’iphone. Oggi invece è riuscito ad inizializzare correttamente il chipset e con un enorme sorpresa, ha notato che l’iphone rilevava gli altri dispositivi, e che gli altri dispositivi (in questo caso un sony ericsson k550i e un hackintosh con dongle bluetooth usb) rilevavano l’iphone, ovviamente. Ecco le sue ultime parole:
Adesso non mi resta che scrivere una libreria per gestire l’intero hci e dopo questa concentrarmi sul protocollo obex..
Le premesse sono gettate, non ci resta che attendere ulteriori sviluppi e probabilmente festeggiare un’altro successo ottenuto da un italiano =)
.
Grazie MeDevil

Oggi pomeriggio ho ricevuto una mail che potrebbe rivelarsi davvero interessante. Uso il condizionale perchè vorrei che la notizia passasse…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: