Gli abbonati a Netflix superano quelli dei servizi TV a pagamento

Negli Stati Uniti Netflix ha raggiunto un importante traguardo: il numero dei suoi abbonati supera quello di tutti i serviti TV a pagamento.

Si tratta di un risultato piuttosto prevedibile per Netflix, ma nonostante questo resta un ottimo traguardo. Vediamo nel dettaglio quando e com’è stato effettuato questo “sorpasso”.

Secondo un’indagine statistica condotta da Leichtman Research Group, Netflix ha superato il numero degli abbonati ai servizi TV a pagamento. Questo risultato è stato registrato a fine marzo scorso, quando Netflix contava 50,9 milioni di abbonati. I servizi TV a pagamento invece avevano un totale di 48,6 milioni di sottoscrittori. Il traguardo è particolarmente sorprendente, perché un solo servizio di contenuti in streaming è riuscito a superare tutti i servizi di TV a pagamento. Se aggiungiamo quindi altri concorrenti di Netflix alla statistica, otteniamo un netto vantaggio di questi tipi di servizi. Oltre a questo, l’indagine ha rivelato un importante calo di interesse nei confronti dei canali TV a pagamento. Ci aspetta quindi un futuro fatto quasi esclusivamente da servizi in streaming, che chiaramente si basano su una connessione ad internet.

I dati in questione sono legati esclusivamente al territorio statunitense, ma rappresentano un trend generale anche a livello globale. Anche in Italia infatti il numero degli abbonati ai servizi di streaming è in continua crescita. In soli 3 mesi dal lancio in Italia, Netflix contava già 300.000 iscritti.

Negli Stati Uniti Netflix ha raggiunto un importante traguardo: il numero dei suoi abbonati supera quello di tutti i serviti…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
22
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: