Guida al Downgrade per passare dal Firmware 3.0 al Firmware 2.2.1 utilizzando Windows | iSpazio

ispazio-downgrade-iphone-firmware-30-a-221

Più volte vi abbiamo invitato a non installare la versione Beta del firmware 3.0. Malgrado i diversi articoli però, qualcuno l’ha fatto, ed ora non riesce più a tornare indietro. Come vi dicemmo, il downgrade è possibile e non è nemmeno tanto difficile da eseguire, ma non ci assumiamo responsabilità nè vi invogliamo a provare questo nuovo firmware con la consapevolezza che si può tornare indietro. E’ dedicato agli sviluppatori, e c’è un motivo ben preciso per questo. Detto ciò, corre l’obbligo di aiutare  tutte quelle persone (e sono tante) che hanno lasciato commenti disperati su iSpazio in cerca di una guida per tornare al vecchio firmware 2.2.1. Vediamo insieme tutti i passaggi da eseguire con Windows:

Requisiti:

  • Firmware 2.2.1 originale sul desktop del vostro pc. Qui trovate le versioni per tutti i dispositivi.
  • L’applicazione QuickPwn 2.2.5_2

Guida:

1. Come prima cosa, mettete l’iPhone in DFU. Per farlo, bisogna collegarlo al pc e spegnerlo, poi dovrete cliccare il tasto Home e quello di Accensione contemporaneamente per 10 secondi esatti. Subito dopo, rilasciate il tasto Accensione continuando a premere Home per altri 10 secondi.

dfu-iphone-003

2. Una volta entrati in DFU, lo schermo dell’iPhone sarà tutto nero ed iTunes farà apparire un pop-up di notifica. Date l’Ok e cliccate il tasto Shift della tastiera mentre con il mouse andrete a premere su quello “Ripristina” di iTunes. Si aprirà una finestra, dalla quale dovrete selezionare il firmware 2.2.1 originale che avete scaricato sul vostro desktop.

3. Le cose non sono cosi semplici, in quanto mentre ripristinerete l’iPhone, vi verrà restituito un errore tra i seguenti: 1011, 1013, 1015. Tali errori riguardano un problema con la baseband (quindi non si otterranno in caso di ripristino di iPod Touch) che ora andremo a risolvere. Altri errori invece, (solitamente quelli 1600, 1601 o 1602) riguardano un errato inserimento della modalità DFU, quindi è probabile che a causa di un errore vi troviate in Recovery Mode, che non è sufficiente per un Downgrade. Semplicemente rileggete la guida dal punto 1, e provate a rientrare correttamente in DFU.

sbloccare_iphone6

4. Per risolvere il problema della BaseBand, entra in gioco QuickPwn, che tramite un normalissimo “sblocco/jailbreak” del firmware, vi permetterà di utilizzare nuovamente il vostro iPhone, facendolo riconoscere da  iTunes e concludendo il passaggio da 3.0 a 2.2.1. Per cui non vi resta altro che seguire tutti i passaggi della guida allo sblocco del firmware 2.2.1, che abbiamo scritto per voi un pò di tempo fa, e che trovate qui.

immagine-511

Una volta ultimato lo sblocco, avrete un Firmware 2.2.1 completamente funzionante, con tanto di Jailbreak e le applicazioni Cydia/Installer. Se volete eliminare il Jailbreak, tornando ad avere un iPhone 2.2.1 originale, dovrete solo aprire iTunes e ripristinare, non otterrete errori di alcun tipo.

Aggiornamento: Se dopo il downgrade non avete campo e la rete visualizzate la scritta “Nessun Servizio”, potete risolvere in uno dei due modi consigliati agli utenti e che riportiamo di seguito con le loro parole:

Nel mio caso ho dovuto fare una cosa leggermente diversa, poiché non c’era verso di far attivare il mio melafonino… DOPO aver usato la procedura, mi ritrovavo sempre un telefono SENZA il menu gestore, come se fosse “nascosto”. Non c’era verso, per quante volte avessi provato a passare questo ostacolo.
Avevo per così dire un 2.2.1 “castrato”, suppongo perché non attivato. Ho risolto SOLO facendogli rifare un restore scaricando il firmware direttamente dal server Apple, attivandolo (a quel punto la procedura di attivazione è andata a buon fine) e poi rifacendo il jailbreak con la solita procedura.
Spero sia stato utile a qualcuno la mia esperienza.
Fabio

(CC) iSpazio

Più volte vi abbiamo invitato a non installare la versione Beta del firmware 3.0. Malgrado i diversi articoli però, qualcuno…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in:Senza categoria