L’autocorrezione dell’iPhone fa chiudere due scuole negli Stati Uniti

Personalmente ritengo la funzione di autocorrezione del mio iPhone davvero utile, ma nello Stato della Georgia sono sicuro che qualcuno non la penserà così: per colpa della correzione automatica di un telefono cellulare la polizia ha fatto chiudere due scuole temendo una sparatoria!

Tutto è partito, secondo The Associated Press, da uno studente del “Lanier Technical College” che voleva semplicemente inviare un messaggio ad un amico. Il problema è sorto quanto ha scritto “gunna” (slang per “going to”) sul suo cellulare, poiché il telefono ha corretto da solo quella strana parola, sostituendola con il più comprensibile termine “gunman” (“uomo armato”).

Il messaggio finale risultava quindi “Uomo armato alla West Hall questo pomeriggio”, invece del più innocente “Sarò alla West Hall oggi pomeriggio”. Come se non bastasse, l’autore del testo ha inviato la sequenza di caratteri ad un numero sbagliato!

In un paese come l’Ohio, che solo pochi giorni fa ha visto una sparatoria alle Superiori Chardon di Cleveland e che certamente non è nuovo a episodi di violenza nelle scuole, il risultato è stato alquanto prevedibile: l’errato destinatario ha subito contattato la polizia, che ha chiuso la scuola superiore West Hall e un’altra scuola media a Oakwood, in Georgia.

La chiusura è durata un paio d’ore durante il 29 Febbraio scorso, dalle 11.30 alle 13.45, quando finalmente le autorità hanno appurato che si trattava di un malinteso.

Il sergente Stephen Wilbanks di Hall County spiega:

È stata una combinazione di circostanze bizzarre. Vogliamo sottolineare che la persona che ha ricevuto il messaggio ha fatto la cosa giusta ad avvisarci.

 Via | AppAdvice

Personalmente ritengo la funzione di autocorrezione del mio iPhone davvero utile, ma nello Stato della Georgia sono sicuro che qualcuno…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: