HTC, effetto concorrenza: a febbraio pessimi risultati

Apple vive un momento d’oro, ma questo non significa che i suoi competitor se la stiano passando altrettanto bene: HTC ha pubblicato i risultati per il mese di febbraio appena passato, e le cifre sono tutt’altro che confortanti.

 Il ricavato nel periodo è infatti stato pari a 20,3 miliardi di nuovi dollari taiwanesi (687 milioni di dollari americani), con un calo del 36,8% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Se guardiamo i dati di gennaio e febbraio insieme, sempre anno su anno, il calo diventa un vero e proprio crollo: -45,01%.

Il problema sarà adesso il tempo a venire: con dati così poco entusiasmanti il futuro – e la chiusura del primo trimestre non è così lontana – è certamente plumbeo; lo sa anche HTC stessa, che ha già tagliato le previsioni per i prossimi mesi.

Risultati negativi passati e previsti sono certamente da imputare alla concorrenza nel settore – soprattutto da parte di Apple e Samsung – che si è fatta sempre più spietata.

Apple da un lato ha schiacciato HTC con il suo iPhone 4S attraverso la diffusione e la popolarità, dall’altro ha ottenuto un importante risultato commerciale grazie all’accordo stipulato con il carrier statunitense Sprint. Anche Samsung ha fatto la sua parte, con l’ottimo Galaxy S II che ha rubato non poche vendite al Sensation della casa taiwanese.

Guardando avanti, HTC per quest’anno punterà tutto su tre modelli, One X, One S e One V: una semplificazione rara per un produttore Android ma che, evidentemente, è stata percepita necessaria dalla dirigenza.

Voi che ne pensate, è la scelta giusta?

Via | Electronista

 

 

Apple vive un momento d’oro, ma questo non significa che i suoi competitor se la stiano passando altrettanto bene: HTC…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: