L’ITC Staff conferma la violazione dei brevetti Apple da parte di Samsung

L’Office of Unfair Import Investigation della ITC, chiamato anche “ITC Staff” avrebbe da poco appoggiato il verdetto preliminare di un giudice amministrativo secondo il quale Samsung pare abbia violato ben quattro brevetti appartenenti ad Apple.

La OUII avrebbe di fatto evidenziato che il giudice ALJ Thomas Pender “non ha commesso errori di fatto o di diritto” nelle sue considerazioni preliminari in merito alla violazione da parte di Samsung di alcuni brevetti Apple. Il caso sembra essere quasi risolto, anche se Apple vorrebbe appesantire ulteriormente le sanzioni e dall’altra parte Samsung cerca di proteggere i suoi prodotti da un eventuale blocco delle vendite.

Come evidenziato da Florian Mueller di FOSS Patents, l’ITC Staff agisce come una “terza parte” con l’obiettivo di difendere l’interesse pubblico presentando suggerimenti, nonostante né la Commissione ne i giudici siano poi tenuti a rispettare quanto espresso dall’agenzia. Dal documento depositato si evince che:

Per le ragioni che precedono, l’OUII dichiara che il giudice amministrativo non ha commesso errori di diritto o di fatto. Per questo motivo, la petizione dell’imputato dovrebbe essere negata.

I brevetti riguardano una struttura che copre lo spinotto delle cuffie di un dispositivo mobile ed il relativo circuito di rilevamento. La violazione si riferisce al monitoraggio quando si attiva il microfono dell’auricolare. Negli USA, il prodotto che viola tali brevetti è noto come Sprint Samsung Transform.

Ora la situazione per Samsung si sta facendo piuttosto complicata, infatti se la Commissione darà ragione a quanto affermato dall’ITC Staff, ci potrebbe essere un rapido blocco delle vendite nel territorio degli Stati Uniti. Ciò influirebbe non poco sui profitti dell’azienda coreana, che subirebbe una pesante sconfitta contro la propria diretta rivale. Voi cosa ne pensate?

Via | Appleinsider

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: