Per la polizia australiana anche le mappe di Google sono pericolose

Solo pochi giorni fa la polizia dello stato di Vittoria aveva avvisato i possessori di iPhone riguardo ad alcuni errori, potenzialmente fatali, nella cartografia utilizzata da Apple nel proprio programma di navigazione satellitare. Le autorità australiane hanno diramato, nel corso della giornata di oggi, un avviso relativo ad alcuni problemi anche nella cartografia, certamente più utilizzata, di Google.

I saggi greci erano soliti dire: “Se Atene piange, Sparta non ride”. Proverbio assolutamente esplicativo della situazione che si è venuta a creare in Australia in seguito alle notizie di alcuni errori grossolani nella cartografia di Apple di iOS6, che potevano condurre i propri utenti a situazioni potenzialmente rischiose. Le notizie relative all’accaduto sono state riportate in questo articolo.

Un avviso molto simile a quello diramato dalle autorità dello stato di Vittoria, è stato esposto oggi in relazione ad alcuni errori in Google Maps, servizio già disponibile da parecchi anni e considerato dai più infallibile. L’errore consiste nella scelta, da parte del sistema di navigazione di Mountain View, di una strada alquanto pericolosa, a senso unico, e non destinata al traffico, qualora si decida di andare dalla Great Ocean Road in direzione delle Southern Otways.

L’annuncio ha indubbiamente dell’ironico, soprattutto dopo la campagna pubblicitaria di Samsung in Australia che sbeffeggiava gli utenti Apple (come ormai di consuetudine per i sudcoreani, incuranti del benché minimo buonsenso) per via dei recenti errori cartografici.

La polizia australiana conclude consigliando agli utenti di diffidare pienamente di questi sistemi di navigazione. Nessun sistema di cartografia digitale può essere affidabile al 100%, pertanto è sempre consigliato l’uso delle tradizionali cartine geografiche quando si affrontano percorsi pericolosi o di cui si hanno dubbi.

Via | YahooNews

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: