BlackBerry 10 non è abbastanza sicuro per il governo britannico

La più recente piatatforma BlackBerry non ha superato i test per poter essere utilizzato senza problemi di sicurezza dai dipendenti del governo del Regno Unito. La notizia suscita clamore, dal momento che le precedenti versioni di BlackBerry OS erano considerate sicure dalla stessa società che ha effettuato le prove.

bbz10

BlackBerry 7  era fra le pochissime piattaforme che avevano superato i test per essere utilizzati all’interno dei livelli di sicurezza “restricted” degli uffici del governo britannico. Assieme al sistema operativo dell’allora RIM, spiccava anche la presenza di iOS. Questo è il terzo livello in relazione alla sicurezza massima, oltre i quali le due piattaforme non potevano accedere in alcun modo.

La società inglese Communications Electronics Security Group, ha concluso i test per stabilire il livello di sicurezza a cui poteva arrivare il nuovo BlackBerry 10 (oggi disponibile sui modelli BlackBerry Z10 e Q10), con risultati purtroppo negativi per l’azienda canadese.

L’ultima edizione del sistema operativo di BlackBerry non può, di fatto, entrare negli uffici governativi britannici per via di alcuni problemi con il software BlackBerry Balance, che ha il compito di creare due profili separati all’interno di un unico dispositivo, uno specifico per l’ambito professionale e l’altro per quello personale. Non sono stati forniti ulteriori dettagli sui motivi per cui questa nuova feature causerebbe problemi di sicurezza.

Questo è un duro colpo per BlackBerry che, come sappiamo, punta gran parte della sua economia proprio sul settore business e venire accantonati niente meno che dal governo britannico di certo non fa una buona pubblicità al colosso canadese.

Via | PhoneArena

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: