Antennagate: i possessori di iPhone 4 iniziano a ricevere 15$ di risarcimento

Vi ricordate l’Antennagate di iPhone 4? Quest’ultimo se toccato in determinati punti era vittima di problemi di ricezione, soprattutto laddove questa non era esemplare. Apple sta iniziando a risarcire i possessori iscritti alla class-action con 15$.

20130423-102554.jpg

iPhone 4 era uno splendido terminale ai tempi del rilascio. La sua fluidità e lo schermo estremamente definito erano il fiore all’occhiello dell’intera produzione Apple. Il suo display è rimasto letteralmente impareggiabile per la concorrenza fino agli scorsi mesi, resistendo per oltre due anni in termini di definizione e risoluzione come proposta migliore del mercato.

Tuttavia, ad iPhone 4 non mancavano i difetti, primo fra tutti la particolare costruzione dell’antenna, posta sui bordi del dispositivo, che ha portato non pochi problemi ai suoi possessori. Se tenuto in maniera sbagliata, iPhone 4 vedeva la ricezione della connettività di rete ridursi inesorabilmente. Nei primi mesi è stato attuato un piano, in cui la stessa Apple forniva agli utenti un bumper, o una cover a scelta, in modo che il materiale conduttivo con cui era stata costruita l’antenna di iPhone 4 non andasse in corto a contatto con la nostra pelle.

Terminato il piano, gli americani che non hanno goduto della vantaggiosa offerta hanno istituito una class-action per avere un trattamento similare a quello avuto dai primi acquirenti. Gli utenti che hanno partecipato sembrano aver vinto la battaglia legale contro Apple e stanno iniziando a ricevere 15$ di risarcimento al posto del bumper. Molti utenti hanno avuto i soldi già nelle scorse ore.

Sfortunatamente l’operazione vale solamente per coloro che si erano già iscritti alla class-action, e ad oggi non è più possibile farlo. L’intera class-action è costata 53 milioni ad Apple, di cui 16 esclusivamente per le spese legali.

Via | 9To5Mac

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: