Il ragazzo che ha venduto il primo prototipo di iPhone 4 a Gizmodo confessa dopo 3 anni: sono stato io!

È stato uno scoop eclatante quello del 2010, che ancora oggi viene ricordato come il rumor per antonomasia, l’indiscrezione più palese della storia dell’informatica moderna. Un primo prototipo di iPhone 4 era stato dimenticato su un bancone di un bar da un dipendente di Apple. Chi l’ha trovato ha confessato finalmente i dettagli della vicenda e quanti soldi ha guadagnato grazie alla stessa.

iphone-4-e1312998867113

Dopo 3 anni siamo riusciti a scoprire la verità. Il ragazzo che ha trovato il dispositivo sul bancone del bar si chiama Brian Hogan, ha confessato tutto su Reddit proprio ieri sera raccontando dettagliatamente come sono andate le vicende dello scorso 2010, dalla notte in cui ha trovato il prototipo di iPhone 4 e da come è riuscito a vendere il prototipo a Gizmodo che ha avuto l’esclusiva mondiale sulla notizia.

Potete leggere l’intero post in questa pagina, ma abbiamo evidenziato e tradotto le parti più importanti per voi, e le riportiamo di seguito:

“Ciao, mi chiamo Brian e tre anni fa ho avuto un ruolo essenziale nel famoso caso della perdita del prototipo di iPhone 4. Mi hanno consigliato di fare un AMA ed eccoci qui!”, inizia così il post di Brian Hogan.

“Quando avevo 21 anni ero in quel bar con due amici, ed era molto tardi. Dopo l’ultima chiamata entrambi i miei amici andarono in bagno ed un ragazzo si avvicinò a me, prese il telefono sullo sgabello vicino al mio e disse: non dimenticare il tuo telefono! Gli ho detto che non era il mio e non sapevo a chi appartenesse. Il tipo così mi diede il telefono e mi disse di trovare il legittimo proprietario.”

brian-hogan

Hogan così chiese a chiunque fosse nel locale riguardo al dispositivo, ma sembrava non appartere a nessuno, così lo portò a casa con sé. La mattina successiva ricominciò la ricerca ed iniziò a cercare indizi all’interno del dispositivo stesso. Solo in quel momento si rese conto che non si trattava di uno smartphone normale, ma di un nuovo modello di iPhone.

“La prima cosa che notai fu che lo schermo aveva una risoluzione più elevata rispetto a qualsiasi altro iPhone che avessi visto prima, poi la custodia aveva dei pezzi in plastica e dei tasti in strani posti. Appena l’ho rimossa mi sono trovato di fronte un iPhone con il retro piatto, spigoli piatti ed una fotocamera frontale. C’erano due adesivi con codici a barre sul retro e c’era una serie di x al posto del codice seriale. A quel punto non avevo ancora idea di quello che mi trovavo fra le mani, benché fossi molto eccitato.”

Una volta capito che si trattava di un nuovo modello di iPhone, Hogan chiama direttamente ad Apple ma la sua storia non viene creduta dal personale della società, così inizia a contattare i vari blog per vedere quanto questi fossero disposti a pagare per il prototipo.

“I primi a prenderci sul serio sono stati i ragazzi di Gizmodo, così ci siamo incontrati e subito anche loro hanno capito che si trattasse di qualcosa di reale. Dopo circa un mese dal primo appuntamento Gizmodo ha pubblicato l’articolo sul prototipo di iPhone 4.”

giz-iphone-645x250

Gizmodo aveva promesso 5000$ ad Hogan, con un’aggiunta di 3000$ se la notizia si fosse rivelata fondata. Il secondo pagamento non è mai giunto ed infine Hogan ha speso più dei 5000$ precedentemente ricevuti in avvocati.

Apple ha portato Hogan ed un suo amico in tribunale per rispondere della vicenda. I due sono stati accusati di appropriazione indebita di proprietà perduta ed oltre alle spese legali è stato chiesto di pagare una multa di 250$. Inoltre il ragazzo è stato obbligato a prestare 40 ore di servizio alla comunità in libertà vigilata.

Via | iDownloadBlog

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: