Una nuova legge bandisce per sbaglio l’utilizzo di tutti i computer, smartphone e tablet

È successo in Florida e la notizia ha dell’incredibile: una nuova legge impedirebbe, per via dell’uso improprio di alcune parole, l’utilizzo di qualsiasi computer, smartphone o tablet all’interno dello stato americano.

22434124_BG1

Originariamente, la legge era stata pensata per impedire l’utilizzo di slot machine o il proliferarsi di internet cafè, considerati illegali all’interno dello stato statunitense. Tuttavia, l’utilizzo improprio di parole dichiarerebbe illegali tutti quei dispositivi in grado di riprodurre videogiochi d’azzardo mediante internet. Sembra ben chiaro che in questa categoria appartengono anche i nostri PC, smartphone e tablet, tutti in grado di riprodurre queste tipologie di videogiochi.

Alcuni mesi fa, Jennifer Carroll, esponente del governo della Florida era stata costretta a dimettersi per via di uno scandalo che la vedeva partecipare in un sito internet di scommesse. La legge che ha inasprito la situazione è stata approvata poco tempo dopo, aggiungendo agli internet cafè ed alle slot machine “qualsiasi dispositivo o rete di dispositivi” che possono accedere a videogiochi d’azzardo.

Sono stati chiusi oltre 1000 internet cafè nello stato americano, ma gli avvocati di Consuelo Zapata hanno dichiarato la stessa legge come “mal formulata, eccessivamente vaga e realizzata nella frenesia alimentata dalla sentenza distorta dello scandalo del Governatore Carroll”.

La cosa buffa è che proprio lo stato della Florida organizza una lotteria nazionale ed alcune organizzazioni possono indire alcuni “eventi Casino” per la raccolta fondi.

Via | Electronista

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: