La domanda di iPhone è alle stelle ma le vendite rallentano per le basse forniture del 5S

Secondo alcuni studi Apple nel mese di Settembre la domanda di iPhone è arrivata a toccare i 37 milioni di dispositivi, ma a causa delle limitazioni sulla fornitura di iPhone 5S le vendite vere e proprie sono un po’ inferiori. Per le vacanze natalizie ci si aspetta però un nuovo record per Apple.

iphone-5s-435

L’analista Katy Huberty ha condotto una nuova indagine chiamata “Smartphone Tracker” che mostra alcuni interessanti numeri riguardanti la domanda di iPhone nel trimestre terminato a Settembre.

La domanda da parte dell’utenza risulta essere elevata, tanto da aver raggiunto le 37 milioni di unità circa. Nonostante ciò però, anche a causa delle basse forniture di iPhone 5S, le vendite si attestano a 34,5 milioni di unità.

Anche Verizon, il più grande operatore americano, ha confermato di aver venduto ben 3,9 milioni di iPhone nel solo mese di Settembre nonostante le limitazioni di iPhone 5S. Nell’intero trimestre la quota raggiunta dovrebbe aggirarsi quindi intorno ai 32 milioni di dispositivi.

Questi traguardi raggiunti hanno portato il fatturato aziendale a 37 miliardi di dollari, un margine lordo del 37% ed un utile per azione di 8 dollari.

Dando però un’occhiata a ciò che ci si aspetta dall’ultimo trimestre dell’anno, la Huberty si aspetta che Apple raggiunga il record di 55 milioni di iPhone venduti, nonostante Wall Street creda nella vendita di “solo” 53 milioni di unità. Un ruolo chiave per le vendite sarà ovviamente la fornitura di iPhone 5S: se la catena di produzione riesce a produrre la massima quantità possibile, l’intera domanda verrà soddisfatta.

Per finire, l’analista crede che in questo trimestre ben il 45% degli iPhone venduti saranno iPhone 5S, raggiungendo quindi un margine lordo del 38,7%, un fatturato di 55,6 miliardi di dollari ed un utile per azione di 14,30 dollari.

Via | Apple Insider

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: