Tatuaggio al collo con microfono incorporato: Motorola lo ha già brevettato!

Dimenticatevi i vari Google Glass e smartwatch, Motorola ha brevettato il primo tatuaggio con microfono incorporato. La società di Google però non si limita a questo, infatti sta lavorando anche su altri tipi di tatuaggi in grado di sostituire le password tradizionali.

p71975-620x350

Secondo il brevetto depositato da Motorola, il tatuaggio dovrebbe essere posizionato sulla gola dell’utente, e sarà in grado di catturare i suoni creati dalla voce. Se il soggetto effettua una telefonata, il tatuaggio invierà questi suoni in modalità wireless allo smartphone e quindi anche all’utente che riceve la chiamata.

article-2492714-194A0E1A00000578-98_634x531

Il funzionamento pare alquanto semplice: il microfono incorporato nel tatuaggio raccoglie i suoni prodotti dalla voce di una persona rilevando le vibrazioni e le oscillazioni dei muscoli o della pelle del collo. Motorola afferma che il tatuaggio includerà una batteria che “potrebbe essere ricaricabile” o, in alternativa, potrebbe essere alimentato da un dispositivo di ricarica NFC o Bluetooth. Inoltre la descrizione del brevetto aggiunge: “il tatuaggio elettronico può essere applicato anche ad un animale“.

La società vuole comunque evidenziare i motivi che hanno spinto alla richiesta di questo brevetto:

I dispositivi di comunicazione mobili vengono usati spesso in ambienti rumorosi. Grandi stadi, strade trafficate, ristoranti, e situazioni di emergenza possono comprendono diverse frequenze di rumore acustico. La comunicazione può essere ragionevolmente migliorata con un metodo/sistema per ridurre il rumore acustico in tali ambienti e contesti.

Motorola sta per presentare il nuovo Moto G il prossimo 13 novembre, ed alcuni analisti ritengono che il software potrà essere aggiornato per funzionare con dispositivi come il tatuaggio al collo. Naturalmente non è ancora possibile stabilire una precisa data di uscita per questo tipo di tatuaggio, considerando che la società è ancora in piena fase di sviluppo.

Come per tutti i brevetti, la presentazione della domanda non garantisce il lancio della tecnologia, anche se Motorola sembra lavorare molto su questi tatuaggi. La società infatti, lo scorso maggio, stava cercando di sostituire le password tradizionali con dei tatuaggi elettronici o “pillole di autenticazione” da far ingerire alle persone. Una volta ingerita, la pillola crea un segnale ECG a 18 bit all’interno del corpo, il quale potrà essere captato da dispositivi mobili.

article-2333203-1A108D48000005DC-299_634x351

Voi cosa ne pensate di queste tecnologie “futuristiche”?

Via | DailyMail

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: