Beats acquistata per rimediare al fallimento di iTunes Radio

Apple ha recentemente acquistato per 3 miliardi di dollari la Beats Music & Electronics, società nota in particolar modo per le cuffie by Dr. Dre diventate ormai famose soprattutto grazie alle sponsorizzazioni di nomi importanti della musica e dello sport. Tim Cook in un’intervista ha commentato, e giustificato, l’acquisto sottolineando la grande importanza che ha la musica per Apple, ma soprattutto dimostrando grande stima nei confronti di Jimmy Iovine e Dr. Dre. Secondo alcuni esperti però il vero motivo dell’acquisizione, la cui somma sarebbe la più alta mai pagata da Apple per acquisire una società, sarebbe il fallimento di iTunes Radio.

gjfuikfkkuoygukf

In particolare, nell’occhio del ciclone ci sono i manager iTunes di Apple, accusati di non aver preso in considerazione, o forse di non conoscere, la realtà dello streaming musicale già in circolazione e di non sapere nemmeno che Spotify fosse un servizio in abbonamento. Su queste basi, iTunes Radio è stato presentato con caratteristiche, in particolare aspetto e contenuti, carenti rispetto ai servizi offerti dalla concorrenza. A conferma di ciò, alcuni ex-dipendenti Apple avrebbero speso parole forti nei confronti di iTunes Radio e dei suoi manager.

logos2

L’aver definito Pandora, altro servizio per lo streaming musicale, come una “società morta” e la certezza di una netta superiorità di iTunes Radio, ancora prima del suo lancio, rispetto a Spotify avrebbero dimostrato una certa arroganza che avrebbe portato di conseguenza Tim Cook ad acquistare Beats.

Il CEO di Apple ha comunque affermato che iTunes Radio continuerà ad esistere parallelamente a Beats Music, servizio di streaming musicale lanciato proprio da Beats e che potrà essere ancora utilizzato su device non Apple.

Via | AppleInsider

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: