Spotify può accedere a foto, posizione ed altro ancora: una pioggia di critiche parte dal web

Questo non è sicuramente un buon momento per Spotify, che è stato messo sotto accusa da tantissimi utenti dopo che sono stati cambiati alcuni termini e condizioni sulla privacy. Il CEO della società, considerata la situazione, ha promesso una rivisitazione a breve delle normative in questione.

spotifydanielek

Secondo i nuovi termini relativi al trattamento della privacy applicati di recente dalla società guidata da Daniel Ek, le applicazioni per dispositivi mobili possono accedere a dati relativi a sensori, foto, contatti, luoghi e microfoni dei dispositivi. Fin troppi permessi per un’applicazione che offre contenuti musicali in streaming.

Ecco quanto dichiarato da Daniel Ek in un post di scuse:

Lasciatemi essere sincero: se non volete condividere tutte queste informazioni, non lo fate. Chiederemo il vostro permesso prima di accedere ai vostri dati, e li utilizzeremo solo per scopi specifici che vi permetteranno di personalizzare la vostra esperienza su Spotify.

Questo non è sicuramente un buon momento per Spotify, che è stato messo sotto accusa da tantissimi utenti dopo che…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: