Il progetto PieMessage porta iMessage su Android, sfruttando i Mac come server [Video]

Un nuovo progetto open source chiamato PieMessage abilita il supporto di iMessage su altri sistemi operativi al di fuori di iOS, consentendo così agli utenti Android di comunicare utilizzando la piattaforma per la messaggistica degli iPhone.

piemessage

Lo sviluppatore di PieMesage è Eric Chee, che ha reso il codice disponibile su GitHub e ha pubblicato un video su YouTube che mostra l’app in funzione.

Come precedenti soluzioni presentate in passato, l’app richiede un server per abilitare il supporto ad iMessage sui dispositivi non Apple. La differenza è che PieMessage utilizza i Mac e client OS X come server. In passato, app come questa sfruttavano server di terze parti per inviare i messaggi, aspetto preoccupante per la sicurezza degli utenti e per Apple stessa. Questa volta, con PieMessage, gli utenti possano praticamente usare i propri Mac:

In sostanza, ciò che fa il client per Android è inviare il testo ad un MacBook. Usa l’app “Messaggi” presente sui Mac per le notifiche. Quando il Mac rileva un messaggio in arrivo, lo invia al dispositivo Android.

Nel progetto GitHub sono presenti un client per OS X e un client per Android, così come “messages.applescript” e Java Web Server. Chee spiega che “messages.applescript” è probabilmente la parte più importante del progetto, quella che rende possibile l’invio di messaggi tramite la piattaforma Apple. È inoltre importante sottolineare che il progetto utilizza una API personalizzata, altri sviluppatori possono quindi creare client per il web, Windows e altre piattaforme oltre Android.

Lo sviluppatore precisa che PieMessage è ancora un ‘work in progress’. L’app permette infatti di ricevere messaggi in conversazioni di gruppo, ma ci sono dei limiti sull’invio. Sono inoltre da tenere in considerazioni future patch che Apple potrebbe applicare con le prossime versioni di iOS e che potrebbero creare problemi con il supporto di PieMessage.

Via | 9to5Mac

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: