Dai primi Benchmark, i Google Pixel vengono superati sia dall’iPhone 7 che dall’iPhone 6s ma i dati potrebbero essere errati

I nuovi Pixel, gli smartphone di Google, sono stati svelati da pochi giorni e se ne sta parlando davvero tanto in rete. Oggi però, arrivano i primi benchmark ed appaiono molto deludenti.

google-pixel

I primi benchmark mostrano prestazioni decisamente inferiori rispetto a quelle dell’iPhone 7 e più basse anche dell’iPhone 6S o iPhone SE.

Ecco i dati registrati:

  • Google Pixel: Single core 1580 – Multi core 4100.
  • iPhone 6s: Single core 2508 – Multi core 4106
  • iPhone 7: Single core 3430 – Multi core 5600.

E’ però doveroso far notare che i Pixel di Google utilizzano una CPU Snapdragon 821 con due core in esecuzione a 2.15GHz, e due a 1,6 GHz, corredati da 4GB di RAM. Il processore in questione, è davvero molto potente e sui Galaxy S7, la versione precedente, permette di ottenere prestazioni decisamente più alte. E’ quindi molto probabile che l’applicazione Geekbench 4 non risulti ancora ottimizzata per questo dispositivo e che vada ad eseguire i test soltanto sui due core meno potenti anzichè su quelli più performanti.

Analogamente, gli iPhone 7 montano un processore A10 Fusion, con due core ad alte prestazioni (fino a 2.34GHz), e due core con prestazioni più basse ma una più alta efficienza. I punteggi registrati su iPhone si riferiscono, chiaramente, ai core più potenti. Il software di Apple poi, è in grado di alternarne il funzionamento in maniera intelligente per una durata maggiore della batteria.

Pertanto quello che avete letto in rete fin ora probabilmente è sbagliato e le prestazioni dei Pixel potrebbero essere più alte. Lo scopriremo nei prossimi giorni, quando vedremo anche dei video in cui verranno comparate le prestazioni e la velocità in situazioni di normale utilizzo.

I nuovi Pixel, gli smartphone di Google, sono stati svelati da pochi giorni e se ne sta parlando davvero tanto in…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
61
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: