Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

AppleNews

Apple vuole produrre i suoi prodotti con materiali riciclati

Gli sforzi di Apple per migliorare il suo riciclaggio hanno un obiettivo finale di diventare in futuro un produttore "a circuito chiuso", un obiettivo estremamente difficile da raggiungere ma che porrebbe fine alla necessità di estrarre nuovi materiali.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

L’azienda con sede a Cupertino ha trascorso molti anni cercando di essere il più ecologicamente possibile in molte aree diverse. Tuttavia, gli sforzi nella produzione potrebbero essere ulteriormente migliorati aumentando l’utilizzo da parte di Apple di materiali riciclati nei suoi prodotti.

Un esempio di questo è l’uso di alluminio completamente riciclato nel MacBook Air 2018 e nel Mac mini.

Eliminando la necessità di utilizzare nuovi materiali, ciò ridurrebbe potenzialmente la necessità di creare e utilizzare miniere, con un cosiddetto sistema a “circuito chiuso“. Secondo un rapporto di Reuters, Apple sta pianificando di diventare un produttore a circuito chiuso.

Apple

Il robot di riciclaggio Daisy fa parte del piano, con la macchina utilizzata per recuperare 14 materiali da vecchi iPhone tra cui alluminio, stagno, cobalto e terre rare. Daisy può smontare fino a 200 iPhone all’ora, con i componenti liberati dal processo inviati ai riciclatori per l’ulteriore estrazione e perfezionamento.

Oltre a Daisy, Apple è nel mezzo dei suoi sforzi per smettere di estrarre materiali e costruire tutti i nuovi prodotti da materiali riciclati. Questo è un obiettivo che comporta molteplici sfide e Apple ha ammesso di non sapere del tutto come riuscirà a realizzarlo.

Jackson ha sottolineato a Reuters che Apple non è in concorrenza con le aziende che estraggono:

“Non siamo necessariamente in competizione con le persone che minano”, ha dichiarato Jackson di Apple, che gestiva la US Environmental Protection Agency sotto il presidente Barack Obama. “Non c’è nulla da temere per i minatori in questo sviluppo.”

I dirigenti del settore minerario hanno aggiunto che non tutti saranno in grado di seguire l’esempio di Apple e alcuni scettici hanno sottolineato che potrebbe non essere nemmeno possibile per il colosso di Cupertino. “Il produttore di iPhone crede di poter recuperare tutti i loro minerali, ma ciò non è possibile”, ha affermato Kyle Wiens, CEO di iFixit.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.