Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

L’ex CEO di Microsoft Steve Ballmer, ammette che è stata una follia aiutare Apple nel 1997
Curiosità

L’ex CEO di Microsoft Steve Ballmer, ammette che è stata una follia aiutare Apple nel 1997 

In una recente intervista effettuata da Bloomberg all’ex CEO di Microsoft, Steve Ballmer ha ammesso che salvare la Apple dal fallimento nel 1997 è stata la più grande follia effettuata dall’azienda di Redmond. Scopriamo cos’è successo in quell’anno tra queste due grandi aziende.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

steve-ballmer

Nel lontano 1997 Apple era sull’orlo del fallimento e aveva bisogno di aiuto. Così il CEO dell’azienda di Cupertino – Steve Jobs – ha chiesto aiuto a Bill Gates, che ha accettato la richiesta e ha fatto acquistare a Microsoft 150 milioni di azioni di Apple.

In questo modo Apple poteva continuare ad esistere, Microsoft non fu più accusata dall’azienda di Cupertino per la copia di vari prodotti e poteva distribuire Office e Internet Explorer agli utenti della Mela.

Secondo Steve Ballmer, che ha riconosciuto l’ottimo lavoro svolto a Cupertino, questa è stata pura follia per Microsoft, la quale ha permesso il ritorno di Apple sul mercato, che nei dieci anni successivi è riuscita a crescere in modo esponenziale, diventando decisamente più grande ed influente dell’azienda di Redmond.

Nonostante questo Ballmer sostiene che Microsoft resta comunque l’unica azienda in grado di competere con Apple e senza dubbio continuerà a farlo nei prossimi anni.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.