Dove finiscono gli iPhone perduti? Provate a chiederlo a Wayne Dobson

Con Trova il mio iPhone, Apple ha introdotto un ottimo servizio per la localizzazzione del proprio dispositivo, il quale potrebbe essere stato rubato o smarrito. In ogni caso tutti i possessori di un iPhone possono dormire sonni tranquilli, ma non il povero Wayne Dobson. Ecco perchè.

findmyiphone_hero

A Los Angeles, al di fuori della casa di Wayne Dobson, un pensionato di 59 anni, potrete leggere un curioso cartello che recita: “Non ci sono telefoni smarriti!!”. Da qualche tempo infatti la sua abitazione è stata oggetto di continue visite da parte di utenti Apple infuriati ed anche della polizia. Ovviamente c’è una spiegazione logica dietro a tutto ciò, seppur incredibile. Per uno strano problema di antenne dell’operatore americano Sprint, infatti, tutti i dispositivi che si individuano mediante Find My iPhone e la relativa triangolazione GPS, portano direttamente a casa sua.

Il tutto è iniziato nel 2011 quando Wayne si è ritrovato in piena notte una coppia di giovani davanti alla porta di casa. I due individui ovviamente pretendevano la restituzione del loro iPhone rubato, lì geolocalizzato dall’applicazione. L’uomo però non riusciva a comprendere il disguido, visto che di tecnologia non ne sa nulla, per cui il problema si risolse praticamente subito.

Purtroppo non è servito appendere un cartello per spiegare l’errore, e nemmeno le continue giustificazioni fornite agli utenti sono riuscite ad aggiustare la situazione. Addirittura in due occasioni è stata la stessa polizia a far visita all’uomo, dopo aver ricevuto la denuncia di alcuni uttenti che non hanno voluto credere allo sfortunato racconto dell’uomo. Questo raro caso di errore di triangolazione è un serio problema per Sprint, che fortunatamente sta cercando in tutti i modi di risolverlo.

Via | businessinsider

Con Trova il mio iPhone, Apple ha introdotto un ottimo servizio per la localizzazzione del proprio dispositivo, il quale potrebbe…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: